Grigliate abusive e posteggio selvaggio  Ferragosto salato, scattano 100 multe
Controlli anche sul lungolago di Malgrate trasformato in spiaggia

Grigliate abusive e posteggio selvaggio

Ferragosto salato, scattano 100 multe

Valmadrera Una pattuglia della polizia sovracomunale ha effettuato controlli a Parè, Malgratee sulla Lecco-Bellagio

“Missione Ferragosto” compiuta: una delle due pattuglie della polizia intercomunale, in servizio l’altro giorno principalmente su Valmadrera e Malgrate, ha dissuaso le grigliate a Paré e impedito che il lungolago di Malgrate si trasformasse in spiaggia libera; gli agenti hanno, inoltre, sequestrato quattro veicoli che circolavano sprovvisti di assicurazione. L’altra pattuglia, concentrata sulla costa di Oliveto Lario, ha fatto strage di bagnanti in sosta selvaggia lungo la stretta provinciale Lecco-Bellagio. «Sono state elevate circa cento contravvenzioni», conferma il comandante, Cristian Francese. I trasgressori erano posteggiati ovunque: le auto erano accostate lungo la sede stradale, ridotta di fatto a una sola corsia o poco più. La moda del parcheggio selvaggio si ripete a Oliveto di consueto, anche nei weekend, ma la giornata di Ferragosto ha confermato i pronostici, con un’ondata di turisti del tutto dimentichi delle regole. Oltre a multare gli automobilisti, gli agenti della polizia sovraccomunale di Valmadrera hanno pattugliato la spiaggia, dove hanno «sanzionato tre bagnanti che – spiega sempre Francese - avevano piantato tende e altri due, per avere acceso il barbecue: entrambe azioni vietate». Non sono consentite nemmeno sul lungolago di Valmadrera, né, tantomeno, a Malgrate dove, però, il pattugliamento dei vigili è stato sufficiente a indirizzare sulla vicina area del centro sportivo “Rio Torto” – nella quale il barbecue è permesso – i numerosissimi patiti della grigliata. Il Ferragosto, qui, si è rivelato però carissimo per i quattro automobilisti sorpresi privi d’assicurazione: «La sanzione – ricorda il comandante – ammonta a 700 euro; la violazione è stata rilevata dal sistema di videosorveglianza abilitato alla lettura delle targhe.

I fatti ci inducono a continuare assiduamente quest’opera di controllo, per garantire la sicurezza nei confronti di tutti gli utenti della strada». n P.Zuc.


© RIPRODUZIONE RISERVATA