Calolziocorte: slitta
l'apertura della piazza

Un'infiltrazione d'acqua e difficoltà nell'ottenere la fornitura di energia elettrica alla base dei ritardi nel via libera al salotto della città

Calolziocorte: slitta l'apertura della piazza
Un’infiltrazione d’acqua e difficoltà nell’ottenere la fornitura di energia elettrica fanno slittare a Calolziocorte l’apertura di piazza Vittorio Veneto: il tanto atteso momento della riconsegna del cuore della città ai cittadini, non potrà avvenire entro il mese di maggio, ma avrà luogo a giugno. Avrebbe dovuto essere questo, il mese in cui salutare la conclusione dei lavori al cantiere che da un anno e mezzo sta tenendo banco nel centro di Calolziocorte, ma sarà necessario attendere ancora qualche settimana. Alla base del ritardo accumulato proprio in queste ultime settimane sono stati alcuni eventi che hanno ostacolato il regolare svolgimento dei lavori. «In primo luogo – ha spiegato il sindaco Paolo Arrigoni – da circa un mese e mezzo avevamo un’infiltrazione importante nell’autorimessa del municipio. L’impresa ha faticato per trovare il punto in cui si verificava la perdita e ha dovuto smantellare parte della pavimentazione a ridosso del Comune. Ora, però, pare che la situazione sia stata risolta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA