Muore colpito da un masso
davanti ai suoi allievi

Tragedia della montagna allo Zucco Angelone: vittima un istruttore quarantenne che stava spiegando ai suoi allievi un passaggio. Dall'alto si è staccato un sasso che non gli ha lasciato scampo

Muore colpito da un masso davanti ai suoi allievi
LECCO - Una nuova tragedia della montagna, la quinta dall’inizio dell’anno sui monti lecchesi. Colpito da un masso staccatosi da una parete dello Zucco dell’Angelone è morto davanti ai suoi allievi un istruttore di alpinismo milanese. Si tratta del quarantenne Marco Lottaroli di Nova Milanese istruttore presso la scuola di alpinismo della stessa cittadina. L’incidente è avvenuto sulla falesia «Il trittico» dello Zucco dell’Angelone. L’istruttore stava tenendo una lezione ad un gruppo di una sessantina di allievi quando è stato colpito in pieno da un grosso masso che si è staccato dall’alto. Sul posto è stata inviata l’eliambulanza di Como che ha calato l’équipe tramite verricello vicino al ferito. Purtroppo le condizioni di Marco Lottaroli, nonostante fosse ottimamente attrezzato e protetto, sono apparse subito disperate ed il medico del 118 non ha potuto far altro che constatarne la morte. Il sasso l’aveva colpito senza lasciargli scampo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA