Lunedì 29 Aprile 2013

L'alpinista Moro aggredito
dagli sherpa sull'Himalaya

Simone Moro, l'alpinista bergamsco da anni frequentatore delle vette dell'Himalaya in Nepal, è stato aggredito insieme ad altri due compagni (lo svizzero Ueli Steck e il britannico Jonathan Griffith) da un gruppo di sherpa nel campo base n.2 dell'Everest, a quanto sembra per presunte interferenze nel loro lavoro. Lo riferisce The Himalayan Times.
Le tensioni sono sorte, a quanto si è appreso, durante il lavoro di fissaggio delle corde su una parete sul lato ovest del Lhotse, fra il campo n. 2 e il n.3 basso (a circa 7.200 metri), dove era stata collocata una tenda.
Una vota tornati al campo di partenza, i tre alpinisti hanno trovato ad attenderli una folla di un centinaio di sherpa che hanno tentato di «punirli fisicamente» e che sono riusciti a ferirli.
Lo scontro non si è trasformato in tragedia solo per l'intervento degli altri alpinisti stranieri, che si sono interposti e sono riusciti a calmare la situazione.
Moro ha riportato nell'incidente ferrte non gravi, mentre Steck, che ha problemi più seri, sarà trasferito in giornata a Kathmandu.

f.angelini

© riproduzione riservata

Tags