Mercoledì 17 Aprile 2013

Valmadrera, crisi
Chiude la Calvasina

VALMADRERA - Alla Calvasina nessuno si "salverà", l'azienda è pronta a chiudere i battenti lasciando senza lavoro 17 persone.
All'inizio dell'anno era stata annunciata la crisi dell'impresa specializzata nella lavorazione dei marmi e si era detto che, attraverso una procedura concorsuale l'azienda si era impegnata a cedere a un imprenditore della Brianza un ramo aziendale ancora produttivo, occupando inizialmente quattro dipendenti, con la prospettiva di occuparne altri nel corso dell'anno.
Ma la trattativa è sfumata, come spiega il sindacalista Giuseppe Cantatore della Cgil: «Più che la produzione risulta appetibile l'area industriale di Valmadrera, mentre la produzione e i dipendenti sono di difficile ricollocazione.

Anche il ramo aziendale che doveva essere ceduto potrebbe cessare» e per questo i sindacati hanno chiesto l'intervento dell'amministrazione provinciale che si appresta ad attivare una serie di politiche attive per favorire il ricollocamento dei lavoratori.
«L'unico sostegno immediato per i 17 dipendenti è l'apertura di una procedura di cassa integrazione in deroga, anche se non è così scontato che la richiesta venga accettata alla luce dell'esaurimento dei fondi».

m.galli

© riproduzione riservata