Morto Claudio Corti,
l'alpinista dell'Eiger

Dolore a Olginate per la scomparsa a 81 anni dell'uomo protagonista della tragica scalata dell'Orco, nel 1957. Una vicenda entrata nella storia. I funerali oggi in paese

Morto Claudio Corti, l'alpinista dell'Eiger

E' morto a Olginate, Claudio Corti, 81 anni, il grande alpinista protagonista dell'epopea del monte Eiger, una scalata tragica piena di sospetti e che ne aveva profondamente segnato la sua vita. Poco più di un mese fa, quasi a riconoscimento di tanti assurdi veleni, Corti era stato premiato “Atleta dell'anno”. La vicenda riale all'agosto del 1957 sulla parete Nord dell'Eiger. Dopo essere stato salvato, ferito e infreddolito da una squadra internazionale di soccorritori, era stato accusato da più parti, di non aver fatto il possibile per aiutare l'amico Stefano Longhi, partito con lui per la scalata alla montagna conosciuta come “L'Orco” e morto in parete. La riabilitazione è avvenuta soltanto negli ultimi anni grazie soprattutto al libro <Il prigioniero dell'Eiger>, scritto dal giornalista de La Provincia, Giorgio Spreafico e già un cult nel mondo dell'alpinismo grazie ad una ricostruzione meticolosa di quanto avvenne in quei giorni.
Il funerale si terrà oggi, venerdì alle 15, nella chiesa di Sant'Agnese a Olginate. Claudio Corti lascia la moglie Fulvia, i figli Mariarosa, Stefano e Paola.
Su <La Provincia di Lecco> di venerdì 5 febbraio foto, testimonianze e il ricordo di Giorgio Spreafico, l'autore de <Il prigioniero dell'Eiger>

© RIPRODUZIONE RISERVATA