Venerdì 15 Agosto 2014

Valmadrera, l’ex sindaco

ai vertici di Idroservice

1 La sede di Idroservice in via Fiandra2 L’ex sindaco di ValmadreraMarco Rusconi3 Il direttore Claudio Citroni

«L’ingegner Marco Rusconi assume una posizione in staff alla direzione generale di Idroservice, con compito di presidio e coordinamento dei progetti di investimento».

È il nuovo incarico dell’ex sindaco arrestato – com’è noto – lo scorso 2 aprile per i reati di corruzione e turbativa d’asta che avrebbe commesso nel ruolo, appunto, di amministratore comunale e per i quali ha subìto 77 giorni di custodia cautelare; tuttora è libertà con l’obbligo di firma.

La sua nomina sta alimentando reazioni da ogni parte: la denuncia pubblicamente l’associazione “Qui Lecco libera” e si unisce al coro di sdegno la Lega Nord. Il provvedimento è del 30 giugno scorso: secondo il direttore generale proprio di Idroservice, Claudio Citroni – che lo ha firmato insieme al collega Maurizio Murari, di Idrolario – è «un provvedimento organizzativo interno normalissimo, portato impropriamente all’esterno, suscitando reazioni incomprensibili».

Non di promozione si tratterebbe, all’interno della società che presto diventerà di “primo livello”, cioè gestita direttamente dai Comuni

«Marco Rusconi è bravissimo nel suo lavoro, un collega prezioso – lo definisce il direttore generale di Idrolario, Citroni – Viene pertanto semplicemente collocato nella posizione di esprimere al meglio il suo talento: il provvedimento è assolutamente normale e dà forma a un’organizzazione interna. È del tutto naturale che un’azienda debba esprimere le proprie capacità al massimo e ciò si ottiene collocando le persone nelle posizioni giuste. Per quanto riguarda Marco Rusconi, il suo ruolo è di controllo sull’avanzamento degli investimenti relativi ai programmi dell’ambito territoriale Ato: l’ufficio d’ambito definisce quali sono gli investimenti che Idroservice esegue grazie al coordinamento efficace di funzioni complesse. Ogni investimento ha poi un responsabile o coordinatore diretto, che normalmente è il sottoscritto».

LECCO

© riproduzione riservata