Una nuova azienda. “Trasforma” le idee in linee di prodotti

Cosmesi Le eccellenze della terra diventano profumi. La scommessa vincente dei fratelli lecchesi Anghileri: «I segreti? Partner di qualità e valore della tradizione»

Una nuova azienda. “Trasforma” le idee in linee di prodotti
I prodotti tipici delle colline brianzole diventano poi cosmetici e profumatori

Quando il benessere parte dal territorio: sono questi (benessere e territorio, appunto) gli elementi che caratterizzano Acqua di Montevecchia, la linea di prodotti per la cosmetica e la profumazione lanciata da Trasforma srl, l’azienda che ha preso forma da qualche mese in Brianza grazie all’intuizione di due fratelli lecchesi e al loro desiderio di dare ad alcune delle eccellenze naturali della zona una nuova “forma”.

Andrea e Isacco Anghileri ci hanno lavorato per anni, per riuscire – lo scorso gennaio – ad avviare un’esperienza che ha già iniziato a dare soddisfazioni.

Preparare il tutto al meglio ha richiesto tempo, anche perché nei rispettivi ruoli di responsabile del personale e responsabile commerciale di due grandi aziende, coltivare questa passione trasformata in attività economica è stato ed è naturalmente impegnativo. Ma a giudicare dalla risposta del mercato ne è valsa sicuramente la pena.

Facciamo però un passo indietro. Alla base di questa avventura imprenditoriale c’è il trasferimento di Andrea Anghileri a Montevecchia, quando – nel 2003 – si è sposato con la sua Elena, discendente di una famiglia contadina. «Fin da quando ci siamo fidanzati, una manciata di anni prima, ho iniziato a collaborare nel lavoro dei campi e della stalla, assimilando questa vita e questi luoghi fatti di gente semplice, di profumi e di impegno. La voglia e l’esigenza di salvaguardare questo angolo di mondo sono diventate mie e, con il tempo, ho maturato l’idea di raccontare questo territorio partendo dai suoi prodotti naturali più importanti, vere eccellenze come rosmarino, salvia e vino, facendone la base di articoli cosmetici e profumatori».

Fare impresa da solo, però, non sarebbe stata la stessa cosa. Per questo ha deciso di coinvolgere nel progetto Isacco, che ha subito abbracciato l’idea imprenditoriale del fratello. «La condivisione permette di vivere più pienamente le esperienze», ha aggiunto Andrea, che come detto ha trovato terreno fertile, considerato il fatto che «desideravo avviare qualcosa di mio – è intervenuto Isacco – e il progetto di mio fratello era molto interessante».

Si è così iniziato a lavorare nel 2019, gettando le base di una rete di partner essenziale per arrivare dalla produzione alla lavorazione fino alla commercializzazione. Se l’acqua di fonte sgorga da una fontana romana nella proprietà di Andrea, ci sono gli “artigiani della terra” (come li definisce il maggiore dei due fratelli Anghileri) che si occupano della coltivazione del vino (la famiglia Ghezzi) e quelli che invece coltivano erbe aromatiche (la famiglia Piazza).

Chi invece con i due imprenditori collabora in termini di formulazione della ricetta e preparazione dei prodotti da mettere in commercio è Pharmalife Research, il cui amministratore unico Anna Crupi ha subito creduto nel progetto.

«Qualità ed eccellenze sono al centro del nostro progetto – hanno aggiunto gli Anghileri -, per caratterizzare in modo marcato ogni nostro singolo prodotto. Dietro ogni articolo c’è una storia fatta di tradizione, cultura contadina, impegno e fatica, che cerchiamo di raccontare già a partire dal packaging».

Anche la rete di distribuzione è ricercata. Oltre alla vendita diretta tramite il sito, Andrea e Isacco Anghileri selezionano ogni possibile punto vendita. «Al momento siamo presenti soprattutto in Brianza, nel Meratese e a Lecco, oltre naturalmente a Montevecchia, in luoghi come il ristorante Passone e il boutique hotel Bianca Relais, ma l’elenco è lungo e continua a crescere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA