Lecco: viaggio tra le eccellenze venete  Per scoprire i segreti d’impresa
La visita del Gruppo Giovani imprenditori dell’Api lecchese allo stabilimento di Illy Caffé

Lecco: viaggio tra le eccellenze venete

Per scoprire i segreti d’impresa

Trasferta speciale per il Gruppo Giovani imprenditori di Api Lecco

Beri: «Dalle grappe al caffé, una lezione tra tradizione e tecnologie»

Una delegazione lecchese in visita ad alcune delle aziende più prestigiose del territorio veneto, immersa tra tradizione e innovazione. E’ stata un’esperienza molto interessante, quella che nei giorni scorsi ha visto il Gruppo Giovani imprenditori di Api incontrare le eccellenze dell’industria veneta, nell’ambito di una delle missioni economiche che l’associazione di via Pergola organizza regolarmente.

A dare il benvenuto al gruppo lecchese presso la Elmo e Montegrappa di Bassano del Grappa - primo produttore italiano di penne stilografiche - è stato Gianfranco Aquila, presidente della storica azienda che ha visto personaggi del calibro di Giovanni Paolo II, Ernest Hemingway e Paulo Coelho – tra gli altri - firmare documenti o autografi con un suo prodotto, apprezzato in tutto il mondo per l’altissima qualità e la cura del dettaglio. Da rilevare anche la presenza, tra gli azionisti dell’azienda bassanese, dell’ex pilota di Formula 1 Jean Alesi e dell’attore Sylvester Stallone.

«Questa visita ci ha permesso di comprendere il segreto del successo della Montegrappa: un mix vincente tra la tradizione nella scelta dei materiali e delle tecniche di rifinitura e l’innovazione nel design e nella produzione dei componenti, senza dimenticare la passione per un lavoro che dà vita a delle vere e proprie opere d’arte», ha commentato Andrea Beri, presidente del Gruppo Giovani di Api Lecco.

Dalle penne alla grappa, quindi: la delegazione si è infatti poi spostata alla Poli, immergendosi nell’atmosfera – fatta di alambicchi, vinacce ed effluvi persistenti – di una fra le più note aziende venete della grappa, i cui responsabili hanno guidato i giovani imprenditori lecchesi a conoscere l’innovazione nascosta dietro una lavorazione che conserva da secoli gli stessi rituali, la stessa passione e lavorazione artigianale.

«I dipendenti segreto del successo»

Un’altra tappa di grande interesse è stata poi quella che ha visto i giovani imprenditori prendere parte prima al corso di degustazione presso l’Università del Caffè di Trieste, per essere quindi accolti nello stabilimento della Illy, dal 1933 attiva nel campo della torrefazione del caffè.

«Anche in questo caso il successo di un’azienda nota ed apprezzata in tutto il mondo per l’alta qualità e l’inconfondibile gusto del suo caffè risiede nell’importanza data alla ricerca e sviluppo senza mai trascurare la qualità della materia prima e la cultura del caffè. Queste visite – ha concluso il presidente del Gruppo Giovani dell’Api Lecco - ci hanno inoltre fatto capire come il know how dei dipendenti giochi un ruolo fondamentale per il successo aziendale e rappresenti un patrimonio insostituibile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA