Lecco. Piace Sarao  il problema è l’ingaggio
Sarao, 31 anni, ha indossato la maglia bluceleste nel 2012, poi è andato al Carpi

Lecco. Piace Sarao

il problema è l’ingaggio

Tempo di mercato: Fracchiolla cerca il modo di far tornare a Lecco l’attaccante, ora tesserato con il Catania - «Da ambo le parti le motivazioni ci sono, ma poi ci vuole tutto il resto: proviamo a inventarci qualcosa»

Niente luna di miele, per Domenico Fracchiolla novello sposo. Solo calcio mercato. Eppure il direttore sportivo bluceleste è supportato in questa opera dalla sua Simona. «Ora c’è solo da pensare alla squadra – ammette -. Anche mia moglie tiene tanto a che io faccia bene il mio lavoro. Siamo entrambi concentratissimi».

Detto questo, Fracchiolla se la prende comoda. Nel senso che, come un gatto sornione, sta al davanzale e vede l’agitarsi frenetico degli altri. Lui ha già 14 giocatori sotto contratto ai quali si sono aggiunti Merli Sala e Nicolò Buso, una conferma e un nuovo arrivo. Marzorati e Pissardo sono in procinto di essere riconfermati.

Ora, per arrivare ai 24 della rosa base, gli mancano sei-otto giocatori. Da fare con tutta la calma serafica di chi, quest’anno, può decidere tempi e modi: «Non abbiamo fretta – conferma il diesse bluceleste -. Abbiamo una buona base di giocatori, per cui faremo tutte le operazioni con calma, quest’anno. Sicuramente, state sereni, verrà fuori una squadra dignitosa».

Il portiere Marco Pissardo? «Lui è sempre stato felice di stare a Lecco e vedremo entro questa settimana se questo matrimonio s’ha da fare». Stessa cosa per Enrici, il difensore 2001 che dovrebbe arrivare dalla Samb? «Siamo in dirittura d’arrivo, anche se nel calcio mercato può accadere sempre tutto – spiega Fracchiolla -. Lui è un “braccetto” di sinistra della difesa a tre. Più marcatore di Mattia Capoferri che era il nostro giovane che avevamo la scorsa stagione. Enrici ha fatto molte presenze in C per essere un 2001 in una piazza difficile come San Benedetto. Lo vogliono tanti club di B e non ha ancora firmato con noi. Vediamo se riusciamo a portarlo a casa nostra. Sarebbe un bel colpo».

Ci sono da rinnovare giocatori forti come Capogna, però. Se se ne va a Seregno vuol dire che non ha più un bel rapporto, esclusivo, con la società bluceleste: «Innanzitutto Marzorati potrebbe restare. Capogna? Ha avuto un’offerta superiore alla nostra. Fa parte del calcio. Lo so che i tifosi sono affezionati a lui. Ma ha una certa età ed è anche giusto che vada a quantificare la bella stagione scorsa. Abbiamo già dei giocatori importanti sotto contratto in quel reparto (Mastroianni, Iocolano, Giudici, Emmausso, n.d.r.). Lui ha avuto già da tempo delle offerte importanti, per cui è giusto che le valuti».

Fracchiolla sta cercando il colpo di mercato davanti. Un colpo di mercato che ha un nome e un cognome: Manuel Sarao del Catania. Gli stimoli da parte sua ci sono, per tornare a Lecco. Però il problema è l’ingaggio: «Vediamo cosa si potrà fare. Ha un ingaggio importante – ammette “Fracc” - . Le motivazioni sono una parte, ma poi ci vuole tutto il resto. Sicuramente qualcosa ci inventeremo. Abbiamo già dei giocatori come Mastroianni che è un attaccante di 29 anni: significa tanto avere un centravanti esperto come lui che non ha fatto male la scorsa stagione. Movimenti sulle punte ce ne sono pochi, per cui aspettiamo anche noi. Devo chiedere uno sforzo al presidente, per Sarao. Non so se ci riusciremo. Come pure per Latte Lath che è inseguito da tante squadre di serie B. Vediamo un po’ quel che succederà. Ma quest’ultima è una strada molto difficile da percorrere».

Mister Zironelli cosa dice? «È contento delle conferme e di quelli che ha già in casa. La base c’è e i giovani stanno arrivando. Lui è soddisfatto e stiamo collaborando su ogni singola scelta, che è concordata tra me e lui».


© RIPRODUZIONE RISERVATA