L’artigiano in fiera parla lecchese   Il meglio della nostra produzione
Valentino Cucchiaro di Merate con gli orologi ricavati da bottiglie usate

L’artigiano in fiera parla lecchese

Il meglio della nostra produzione

Dall’abbigliamento, agli oggetti per la casa, dalla pelletteria, ai coltelli di Premana. Il tradizionale evento a Rho è una vetrina utile e redditizia presa d’assalto per i regali di Natale

RHO

Ogni desiderio può essere soddisfatto: con il Natale alle porte e la tradizionale corsa ai regali per amici e parenti, “L’Artigiano in Fiera” - manifestazione con ingresso gratuito alla Fiera di Rho (Mi) fino a domenica - è una miniera d’oro. Forte, come nelle scorse edizioni, la presenza degli artigiani lecchesi, che ogni giorno dalle 10 alle 22.30 mettono in mostra il meglio della loro produzione. Dall’abbigliamento agli oggetti per decorare la casa, dalla pelletteria al cibo e i prodotti dell’agricoltura, dalle forbici e i coltelli che hanno reso famosa nel mondo Premana alle birre artigianali: i 16 stand lecchesi raggruppati nel padiglione numero 4 uniscono creatività e tradizione.
Passeggiando alla Fiera di Rho si scoprono prodotti singolari. Come lo zafferano coltivato nella Brianza lecchese dall’azienda Voglia di verde con sede a Casatenovo. «Da 5 anni produciamo l’oro rosso nel Lecchese e i risultati sono incoraggianti – spiega Fabio Cogliati, contitolare con il cugino Marco dell’attività proprietaria del marchio “Zafferano Padano” -.. Tra i volti nuovi di AF 2015 anche Susi Hamilton di MagZero1 con sede a Oggiono: «Sono figlia d’arte, la mia famiglia vive nel tessile da generazioni, io da poco ho scelto di dedicarmi alla confezione di abiti – spiega Hamilton -. Sto vendendo molti ponchi di lana, uniti o decorati, piacciono molto come regali di Natale. Ciò che più mi rallegra è vedere tante signore romane, bresciane e venete che si fermano e fanno acquisti».
È un ritorno alla kermesse milanese, invece, quello del Molino Riva di Garbagnate Monastero, che con la linea “Profumo di mulino” si dedica a farine particolari (gettonate quelle miste con semi di quinoa oppure di chia), e propone sacchetti di polenta precotta senza glutine affiancati dalle farine al cioccolato.
Valentino Cucchiaro, artigiano del recupero con attività a Merate: «Recupero bottiglie di vetro e lattine da bar e ristoranti per realizzare diversi oggetti, dagli orologi ai sotto-bicchieri fino ai porta-noccioline».
Per la prima volta tutti i produttori di forbici e coltelli sono riuniti nell’Area Premana, creata ad hoc per valorizzare questi prodotti: qui espone l’azienda Danya di Pomoni che ha realizzato degli speciali coltelli, sui quali sono impressi il crinale del Resegone o la riconoscibile sagoma dal Lago di Como.


© RIPRODUZIONE RISERVATA