Alla <Gilardoni Vittorio>
ancora cassa integrazione

La <Gilardoni Vittorio> di Mandello ha concordato con i i sindacati dei metalmeccanici il ricorso alla cassa integrazione ordinaria per altre tredici settimane. L'uso dell'ammortizzatore terminerà l'8 agosto

Alla <Gilardoni Vittorio> ancora cassa integrazione
Altre tredici settimane di cassa integrazione ordinaria per i dipendenti della Gilardoni Vittorio. L’azienda di Mandello, che realizza motori a scoppio, motori ad olio pesante e loro componenti, ha avviato la seconda procedura di cassa integrazione ordinaria.
«L’impresa ha avviato la seconda procedura – spiega Diego Riva della Fiom Cgil – che terminerà l’8 agosto, in coincidenza della chiusura estiva dell’azienda». Tredici settimane e tutti i dipendenti coinvolti. L’azienda, dopo aver scelto di non rinnovare i contratti a termine, scaduti alla fine dello scorso anno – trenta lavoratori tra cui molti ingegneri e operai specializzati -, ha convocato i sindacati per concordare l’utilizzo dell’ammortizzatore sociale. Ma tredici settimane non sono state sufficienti, e l’azienda ha chiesto una proroga: «269 lavoratori resteranno a casa in cassa integrazione un giorno alla settimana – dice Riva -, il venerdì o il lunedì, quando l’intero stabilimento resterà chiuso. Per altri 75 lavoratori la cassa integrazione sarà dal lunedì al venerdì, per l’intera settimana quindi. Con i vertici dell’azienda abbiamo stabilito di gestire la cassa integrazione a rotazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA