Valvole al titanio  e motore pulito  nella V85  Guzzi
Un particolare del motore e della testata della V85 Guzzi

Valvole al titanio

e motore pulito

nella V85 Guzzi

Sarà presentata

in occasione dell’open day

la nuova moto

della casa mandellese

Andiamo alla ricerca della nuova moto V85 che verrà presentata agli appassionati della casa dell’Aquila in occasione dell’Open day a Mandello.

In casa Guzzi le bocche sono cucite quindi niente nessuno dice nulla, ma le novità potrebbero essere tante interessanti per questa Classic Enduro. La prima è che su nuovo motore che dovrebbe avere il basamento della V9 realizzato interamente a Mandello monterà le due innovative valvole al titanio. Questa scelta renderà il motore della nuova Enduro della casa dell’Aquila più potente, perché molte aziende come Lamborghini Porsche e Mercedes sui loro motori da corsa adottano proprio le valvole del motore in titanio. Questo permette una maggior leggerezza e un risparmio di carburanti oltre a migliori prestazioni e meno gas incombusti quindi motore più pulito.

In casa Guzzi si guarda anche a questo così le nuove V85 non faranno fatica ad arrivare a essere certificate in classe Euro 5. Del resto il titanio è largamente usato nella produzione materiale per la medicina odontoiatrica ma anche per le costosissime mazze da golf. Anche il corpo farfallato (si scrive proprio così) è più generoso e passa da quello da 38 mm delle V9 ai 52 mm di questo nuovo modello. Nuovo sulla V85 l’albero motore e le bielle così come i pistoni che regalano potenza a questa nuova versione della enduro stradale di casa Guzzi.

Il raffreddamento sarà sempre ad aria ma rispetto alle ultime Moto Guzzi non ci sarà il radiatore che serviva per raffreddare l’olio. Tutte queste modifiche e innovazioni porteranno il nuovo motore a raggiungere gli 80 cavalli rispetto ai 55 che sono quelli del V9. Per chiudere con il motore possiamo dire che questa entrofuoristrada con il marchio Guzzi adotterà un motore piccolo cioè di dimensioni più ridotte. Con i nuovi carter a secco non sentiremo più l’inconfondibile rumore quel “clock” che eravamo abituati quando una Moto Guzzi inseriva la prima marcia. Altra modifica fatta alla nuova V85 rispetto alle sorelle di gamme sicuramente il forcellone che è stato allungato per permettere una maggior precisione nella guida sui tratti veloci.

Infine anche l’occhio vuole la sua parte, perché se al Salone di Milano la V85 era stata presentata come proto, con i colori giallo bianco in riferimento alle Guzzi usate dal team francese per correre la Dakar questa cromatica piacevole potrebbe restare in catalogo ma molti asseriscono che il telaio sarà a traliccio di rosso e tutte le plastiche invece saranno verde forse quel verde della V7 Sport un binomio che richiama la storia, il passato, che nessuno ha mai dimenticato.n 
Oscar Malugani


© RIPRODUZIONE RISERVATA