Torno, azalea da record

«Questo è il mio gioiello»

La splendida fioritura sul balcone di casa, la pianta acquistata vent’anni fa è in un vaso

Torno, azalea da record «Questo è il mio gioiello»
Primo Tognacca in posa con la sua azalea cresciuta in vaso
(Foto di foto pozzoni)

Un’azalea da record, che dura da vent’anni e che costituisce un motivo di orgoglio per un sessantenne residente a Torno. «Non ha prezzo».

Lui si chiama Primo Tognacca, ha 62 anni e lavora, manco a dirlo, nel settore del giardinaggio, E a casa custodisce questo autentico gioiello della natura.

«Ho comprato un vaso vent’anni fa in occasione della Festa della mamma - ci ha detto - e, da allora, ho cominciato ad occuparmene. Dopo quattro lustri, è diventata quello che vedete». E - particolarità tra le particolarità - continua ad essere dentro un vaso. In questi giorni è nel pieno della sua fioritura e costituisce uno spettacolo senza eguali.

Primo Tognacca, che in via Piave a Torno dove abita è ormai una autentica istituzione, assicura che non si tratta comunque di un’impresa alla portata di pochi eletti con il pollice verde. «Non ci sono segreti, basta farsi consigliare da qualche giardiniere che conosce la materia e tutti potrebbero arrivare ad ottenere lo stesso risultato». «Ho la fortuna di avere un portico - spiega - E così quando piove troppo, la metto al coperto. In questo modo la fioritura dura molto di più, superando quel mese che rappresenta un po’ il limite di questi fiori».

Merito del portico, certo, ma anche del...sonno leggero. «Mi è capitato più volte - confessa - di alzarmi in piena notte per mettere all’asciutto la pianta. Troppa acqua farebbe marcire i fiori che durerebbero assai meno di quanto invece resistono». Poco sole (e mai esposta direttamente ai raggi) e tanta pazienza. Per un risultato di cui andare davvero orgogliosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA