Sul Lecchese raffiche di vento   a 80 chilometri all’ora

Sul Lecchese raffiche di vento

a 80 chilometri all’ora

Giornata di lavoro per i vigili del fuoco, intervenuti a Olgiate e Cremella per domare incendi di tetti - In città danni contenuti, alcuni rami sono finiti sul lungolago. A Bobbio gli impianti sono rimasti aperti

LECCO

Raffiche di vento fino ad 80 chilometri all’ora. Giornata di lavoro per i vigili del fuoco impegnati a spegnere vari incendi: a Olgiate Molgora ha preso fuoco la canna fumaria di un’abitazione ma grazie ad un intervento veloce i danni sono stati contenuti, così come a Parlasco in Valsassina.

Nel pomeriggio è andato in fiamme il tetto di una casa a Cremella in via Cesare Battisti.

Il vento ha reso complicate le operazioni sono intervenuti sul posto due mezzi da Lecco, due da Merate e uno da Carate.

Incendio anche in via Segantini in direzione Rongio a Mandello dove alcune sterpaglie hanno preso fuoco. In questo caso però non sono stati rilevati grandi danni, anche se le raffiche di vento hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco.

A Valmadrera invece è stato necessario l’intervento dei pompieri per uno striscione pericolante in via XXV Aprile che rischiava di finire in mezzo alla strada e sulle auto in transito. A Paderno d’Adda è stato necessario l’arrivo dei vigili del fuoco per un albero caduto in via Edison.

Situazione tutto sommato tranquilla in città con vari rami staccati dagli alberi, soprattutto sul lungolago.

L’allerta vento prosegue anche domani mattina fino a mezzogiorno quando la situazione dovrebbe tornare tranquilla. Ieri le raffiche di vento hanno raggiunto una velocità tra i 70 e gli 80 chilometri all’ora in città, e così su gran parte del territorio soprattutto nelle zone maggiormente esposte e meno protette dalle montagne. Chiusa la funivia dei Piani d’Erna, questa volta non a causa del vento ma per permettere lo svolgimento di alcune operazioni di manutenzione, che proseguiranno fino al 20 marzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA