Sul Badile a 3 e 7 anni  in cordata con i genitori  «Sono stati bravissimi»
Freya Houlding, 7 anni, durante l’ascesa al Badile. Dietro, la mamma Jessica

Sul Badile a 3 e 7 anni

in cordata con i genitori

«Sono stati bravissimi»

La famiglia inglese Houlding sulla vetta a 3.308 metri partendo dalla Val Bregaglia. Il più piccolo a tratti portato sulle spalle da mamma

A 7 anni Freya Houlding è la persona più giovane ad aver scalato il pizzo Badile, 3.308 metri al confine tra la Valmasino e la Val Bregaglia in Svizzera; suo fratellino, 3 anni appena, ha raggiunto anche lui la vetta, ma in parte sulle spalle della mamma.

Protagonisti dell’impresa una famiglia senza dubbio molto particolare: papà Leo Houlding, noto alpinista britannico; mamma Jessica, nello zaino sulle sue spalle il piccolo Jackson (secondo il quotidiano britannico Independent, sinora una vetta di tale altezza non era mai stata raggiunta da uno scalatore così giovane); e Freya, che a 7 anni ha battuto un record raggiungendo in autonomia l’ambiziosa cima.

L'alpinista Leo Houlding con la moglie e i figli

L'alpinista Leo Houlding con la moglie e i figli

La famiglia Houlding, ha iniziato la scalata il 25 luglio e ha completato il percorso dopo una notte in una baita e altre due in bivacco. La cima è stata raggiunta il 27 luglio, esattamente 153 anni dopo la prima salita; poi un giorno per la discesa. «Questo papà orgoglioso ha festeggiato il suo 40esimo compleanno in cima alla capanna Bivi del Piz Badile, a seguito di un’ascesa familiare della cresta nord di 1000 metri, il percorso più bello del suo grado che non ho ancora scalato – ha scritto Leo Houlding sulla sua pagina Facebook postando meravigliose immagini dell’avventura familiare -. La mia bellissima Freya, che ha compiuto 7 anni una settimana fa, si è portata su e giù per tutta la montagna sulle sue zampe magre senza alcun aiuto. Che stella. Il piccolo Jackson, 3 anni ha avuto un piccolo aiuto dalla sua super mamma Jess, che si è arrampicata con lui, si è immerso nella sua “portaerei” per la maggior parte del percorso, anche se si è liberato per qualche piazzola e alcuni tratti li ha percorsi da solo».

Il Pizzo Badile, la montagna più imponente e conosciuta del gruppo della Bondasca, in val Bregaglia, è alta 3.308 metri e la sua parete Nord è considerata una delle sei grandi pareti delle Alpi. La prima salita del Piz Badile fu completata da W.A.B. Coolidge insieme alle guide François Devouassoud e Henri Devouassoud il 27 luglio 1867 dal versante Sud.

A 7 anni è davvero una grande impresa, e lo è pure portarla a termine con un bambino di 3 anni sulla schiena. «L ’abbiamo fatto fuori in 4 giorni – continua nel suo racconto l’alpinista 40enne -. Un’estenuante escursione di 6 ore lungo il nuovo sentiero fino all’immacolata e accogliente Sasc Fura Hut; una giornata più breve con un po’ di strapazzo sotto l’inizio della salita, l’enorme e continuamente brillante roccia salita alla capanna selvaggiamente esposta, e finalmente la lunga discesa nella bellissima Valmasino dove Jess ed io abbiamo trascorso la nostra luna di miele 14 anni fa. Grazie a Jess, per essere la moglie e la madre più incredibile che potessi desiderare, a Freya e Jackson per essere stati così coraggiosi e forti. Ma grazie anche al meteo, che ci ha concesso le condizioni stabili di cui avevamo bisogno per la nostra gita in famiglia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA