Stop alle auto nelle vallate più suggestive  Ai laghi di Cancano solo a piedi o in bici
Una suggestiva immagine del lago di Cancano

Stop alle auto nelle vallate più suggestive

Ai laghi di Cancano solo a piedi o in bici

Le ordinanzeA Valdidentro fino al 2 settembre regolamentato il transito motorizzato

Organizzato un servizio di trasporto, tramite navetta, per la tratta da Arnoga ad Altumeira

Da domani al 2 settembre, in Valdidentro stop alle auto lungo alcune delle vallate più suggestive e frequentate del comprensorio.

Il sindaco Massimiliano Trabucchi ha infatti emesso delle ordinanze che sanciscono una precisa regolamentazione del transito motorizzato lungo alcune strade comunali agro – silvo pastorali. Partiamo dalla val Viola dove, in linea con quanto fatto in passato, è in vigore il divieto di transito dei mezzi motorizzati nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 18. La strada, fino al 2 settembre, sarà accessibile, oltre che ai mezzi autorizzati, ai titolari di permesso temporaneo, che permetterà di raggiungere i parcheggi previsti presso le località “Altumeira”, “bivio Funeira”, “Laghetto Cunon” e “bivio Campo”.

Corse a pagamento

Per tutti gli altri possibilità di utilizzare il servizio di trasporto, tramite navetta, al costo di 3 euro per la corsa singola e di 5 euro per andata e ritorno. La tratta coperta sarà da Arnoga ad Altumeira, con servizio attivo tutti i giorni. Stop alle auto, nel medesimo periodo, anche lungo la strada che conduce alla Val Lia nel tratto Isolaccia – Boron. Ma la novità più importante, quest’estate, riguarda la chiusura dell’intero tratto intorno ad entrambi i laghi di Cancano che sarà quindi possibile percorrere soltanto in bicicletta, a piedi o tramite il servizio navetta che percorrerà i due laghi artificiali. La strada Fiordalpe – Cancano sarà chiusa a partire dalla località “Villa Valania”; l’area parcheggio sarà disponibile in prossimità della palazzina A2A da dove prenderà avvio il servizio navetta, per l’intero arco della giornata, lungo due tratte, ovvero andata e ritorno presso la prima diga e giro circolare attorno alla seconda con tariffa di 1 euro a persona per tratta. «La scelta di chiudere l’intera area attorno ai laghi – hanno fatto sapere dall’amministrazione comunale - è innanzitutto una scelta per favorire la mobilità dolce. Favorirne l’utilizzo per giornate a piedi o in bicicletta, godendo di panorami fantastici in totale relax, è il nostro obiettivo primario». Il primo cittadino, nel sprovvedimento, ha evidenziato come «durante il periodo di maggiore affluenza turistica e affollamento del territorio, è opportuno procedere alla limitazione del traffico sulle strade di montagna al fine di tutelare il patrimonio stradale, prevenire incidenti e conservare l’ambiente naturale anche nell’ottica della sua valorizzazione turistica e sociale».

I permessi

Tutte le ordinanze sindacali, inoltre, tengono in debita considerazione i diritti e le esigenze civiche dei proprietari dei fondi serviti dalle strade consentendo il transito in deroga. Autorizzati anche i mezzi con permessi di categoria B1 (residenti nel comune di Valdidentro per uso civico) rilasciati secondo il nuovo regolamento Vasp; previsti anche dei permessi di transito temporanei acquistabili all’imbocco delle relative strade, ad un costo variabile in base ai diversi parcheggi disponibili. Dando uno sguardo all’aspetto turistico, sia in val Viola che a Cancano sono previsti servizi aggiuntivi per i periodi di punta, su tutti la settimana di ferragosto, condizioni meteo permettendo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA