Lunedì 25 Agosto 2014

Scarcerato l’avvocato Minervini

Ha l’obbligo di dimora

L’avvocato Giovanni Minervini il giorno del suo interrogatorio accompagnato da un suo legale

Dopo oltre tre mesi gli arresti domiciliari perché coinvolto nella vicenda di una presunta tangente, l’avvocato Giovanni Minervini è stato scarcerato e ha ottenuto l’attenuazione della misura con l’obbligo di dimora a Ballabio, il suo paese di residenza.

Uno dei suoi legali, l’avvocato Luca Marsigli (in codifesa con l’avvocato Alessandro Meregalli), si limita a confermare il provvedimento emesso dal gip Mirco Lombardi, che nei giorni scorsi ha sostituito il gip Massimo Mercaldo.

«Le indagini per questa delicata vicenda sono ancora in corso - tiene a precisare - Per questo motivo preferisco non commentare la misura assunta nei confronti del mio assistito. Minervini è profondamente segnato per tutta la storia che lo vede coinvolto».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani mattina, 26 agosto

LECCO

© riproduzione riservata