Reddito di cittadinanza  Il Sud incassa, Lecco no
Reddito di cittadinanza, i conti per Lecco non “tornanto

Reddito di cittadinanza

Il Sud incassa, Lecco no

La nostra provincia fra le ultime in Italia per numero di beneficiari - Ne godrà una famiglia su venti. In testa c’è Crotone: un nucleo su tre

Soltanto una famiglia lecchese su venti avrà diritto a una quota del famoso reddito di cittadinanza.

A mettere nero su bianco le prime stime dell’operazione di welfare targata Cinque stelle è il Sole 24 Ore. Sostanzialmente, la statistica conferma le peggiori avvisaglie della vigilia. Il 40% degli aventi diritto al sostegno economico statale, quasi un nucleo famigliare su due, è circoscritto alle quattro regioni del sud, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. Sul versante opposto della statistica, ecco l’area lariana e valtellinese, con Como, Lecco e Sondrio a tirare la volata delle province meno interessate dal provvedimento.

Una vera e propria beffa per il nostro territorio, che conterebbe solo 7mila nuclei interessati. E dire che l’intervento di Pasquale Tridico, consigliere economico del ministro Luigi Di Maio, aveva qualche settimana fa rassicurato i maliziosi: il reddito di cittadinanza sarà spalmato in misura omogenea su tutto il territorio.

Al contrario, le prime stime indicano senza mezze misure un baricentro totalmente spostato al sud. Nella classifica stilata dal Sole 24 Ore, primeggia in termini percentuali la provincia di Crotone, con il 27,9% dei nuclei famigliari che è già in orbita reddito di cittadinanza. Seguono Palermo, Caltanissetta e Medio Campidano, tutte attorno al 20%.

Due pagine su La Provincia di Lecco in edicola oggi, 14 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA