Mercoledì 18 Giugno 2014

Redaelli e Lilliu

scagionano Rusconi

1L’area a lago di Parè con la costruzione che venne realizzata nel 2011 dalla società facente capo a Redaelli

Una difesa a 360 gradi, per scagionare se stessi. Ma che di fatto scagiona anche l’ex sindaco di Valmadrera.

Gli imprenditor iAntonello Redaelli e Saverio Lilliu sono stati a lungo sentiti, ieri, dal pubblico ministero di Milano Bruna Albertini, titolare, insieme al collega Claudio Gittardi, del fascicolo d’inchiesta Metastasi che, il 2 aprile scorso, ha portato in cella dieci persone.

Circa quattro ore, nel mattino, Redaelli, due ore e mezza, nel pomeriggio, Lilliu. Entrambi hanno raccontato alla pubblica accusa la loro verità, una verità coincidente: dietro la gara d’appalto per la gestione del lido di Parè non ci sarebbero state ombre, secondo i due indagati, assistiti rispettivamente dagli avvocati Marcello Perillo e Vito Zotti.

L’allora primo cittadino Marco Rusconi non avrebbe fatto alcuna preferenza per loro, nè ci sarebbero mai stati passaggi di soldi. La mazzetta da cinquemila euro? Per Redaelli e Lilliu non sarebbe mai esistita.

Leggi tutti i particolari sull’edizione de La Provincia in edicola mercoledì 18 giugno

© riproduzione riservata