Premana rivive l’antico  Un tuffo nella storia
Folla sulle alture di Premana, la giornata di sabato è stata decisamente più clemente

Premana rivive l’antico

Un tuffo nella storia

Il totale dei pass venduti alla nona edizione della rassegna è salito a quota 5.750 nonostante la pioggia

Per come si è messo il tempo domenica, è andata ancora bene con 2.350 visitatori che hanno portato a 5.750 il totale dei pass venduti alla nona edizione di “Premana rivive l’antico”.

Se sabato il cielo è restato grigio ma asciutto, domenica ci si è messa la pioggia, dalle 10.30 in avanti – un’ora e mezza dopo la riapertura del percorso – a frenare gli arrivi.

Le navette hanno portato in località Giabbio 1.500 persone poi i visitatori sono calati e alle 12.30 è stato chiuso il primo pezzo di percorso, quello sul sentiero, perché la pioggia ha reso scivoloso il tracciato che saliva verso il paese e per non lasciare i figuranti sotto l’acqua e al freddo.

L’accesso è stato quindi alla sola parte cittadina, quella del centro dal ventinovesimo al sessantatreesimo punto di interesse e visita.

«Sono atmosfere che scaldano il cuore», ha commentato una visitatrice e mentre per tante persone si è trattato della scoperta di un mondo sconosciuto, per molti è stato un ritorno a vedere quelle case e quei mestieri che avevano già visto due anni prima, con qualche novità nella disposizione sul percorso e qualche ambiente nuovo.

Tutti i dettagli e altre foto - oltre a tutti i numeri dei biglietti vincenti - nella pagina speciale su “La Provincia di Lecco” in edicola lunedì 10 ottobre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA