Perego e Rovagnate  verso la fusione  Oggi il referendum
1L’anno scorso fu la volta di Verderio: un seggio elettorale2Marina Galbusera3Paola Panzeri

Perego e Rovagnate

verso la fusione

Oggi il referendum

I cittadini chiamati a esprimere il proprio parere

Il progetto coinvolgeva anche Santa Maria Hoé

che ha poi deciso di mantenere l’autonomia

Tra l’indifferenza generale, nonostante le numerose assemblee pubbliche organizzate sia dal comitato per il “sì” sia da quelli che sono contrari alla fusione, si è arrivati al dunque e oggi a Rovagnate e Perego si vota il referendum sulla fusione.

Comunque vada a finire, si tratta dell’ultima fase di un processo che risulta comunque zoppo dal momento che il terzo attore, il Comune di Santa Maria Hoè, non ha voluto seguire gli altri due sulla strada tracciata dalle precedenti amministrazioni e dalla lunga e rodata collaborazione in numerosi settori.

Tredici ore di tempo e 3633 elettori per decidere se, dal prossimo anno, i due Comuni di Rovagnate e Perego diverranno un solo ente oppure no.

A Rovagnate, gli aventi diritto al voto, secondo l’ufficio elettorale, sono 2232 su un totale di 2929 abitanti. A Perego, invece, gli elettori sono 1401 su 1800 abitanti.

In tutto, 3633 elettori che saranno chiamati a decidere se nel futuro dei due territori, come in passato, c’è un destino comune oppure no.

La storia dei tre Comuni della Valletta è ricca di slanci indipendentisti e accorpamenti.

Oggi gli elettori potranno votare dalle 8 alle 21 nei due seggi istituiti nelle scuole elementari di Rovagnate e Perego. Per votare serve, oltre alla tessera elettorale, un documento di riconoscimento.

Due i quesiti referendari che saranno sottoposti agli elettori. Il primo quesito chiede: “Volete che i Comuni di Perego e Rovagnate siano unificati?”. Il secondo quesito chiede: “Volete che il nuovo Comune sia denominato a) La Valletta Brianza, b) Rovarego?”.

Il referendum non richiede quorum. Tuttavia, l’indirizzo di Regione Lombardia è che il nuovo Comune potrà essere costituito se in entrambi i Comuni vincerà il “sì”.

Lo spoglio delle schede comincerà immediatamente dopo la chiusura delle urne. I risultati dovrebbero arrivare prima di mezzanotte


© RIPRODUZIONE RISERVATA