Oggiono. O-Pac: la festa dei 25 anni  «La passione ci fa crescere»
Antonio Bartesaghi (a sinistra) con Matteo Vitali

Oggiono. O-Pac: la festa dei 25 anni

«La passione ci fa crescere»

La O-Pac di Oggiono ha festeggiato i venticinque anni di attività con la seconda edizione del Wet wipes

La O-Pac di Oggiono ha festeggiato i venticinque anni di attività con la seconda edizione del Wet wipes.

L’incontro ha riunito oltre sessanta ospiti: player italiani ed esteri del mondo cosmetico e farmaceutico, e della grande distribuzione organizzata.

O-Pac è attiva nell’ideazione, progettazione e produzione di salviette umidificate. Il venticinquesimo anniversario di attività è stato l’occasione per incontrare clienti e potenziali tali, e presentare le novità studiate dal laboratorio di ricerca e sviluppo.

Dopo l’introduzione e la presentazione del gruppo Fin-Omet (che controlla O-Pac) da parte del presidente Antonio Bartesaghi, Matteo Vitali, direttore generale di O-Pac ha ricordato le innovazioni presentate nell’edizione 2012 di Wet wipes, che nel biennio hanno ottenuto buoni riscontri di mercato. «Il focus della seconda edizione ha detto Vitali - è l’innovazione, ci concentreremo sull’universo cosmetico, mostrandovi un nuovo modo di concepire il mondo delle wet wipes sia in termini di applicazioni che di packaging».

L’intervento di Manuela Pozzati, manager di L’Oreal Luxe, sul mercato europeo della cosmesi, ha fornito un supporto al seminario in cui i responsabili della ricerca e sviluppo di O-Pac, in collaborazione con consulenti esterni, hanno presentato i prodotti innovativi che l’azienda ritiene potranno essere lanciati nel prossimo futuro, descrivendone gli elementi distintivi.

Bartesaghi spiega: «L’azienda ha scelto di festeggiare i venticinque anni di storia celebrando ciò che è stato il driver dei successi passati, la passione costante nel presente e l’investimento certo per il futuro: l’innovazione».

La giornata si è conclusa con il trasferimento alla sede di Oggiono, dove gli ospiti hanno avuto la possibilità di vedere da vicino la tecnologia di O-Pac.


© RIPRODUZIONE RISERVATA