Morti in corsia, l’affondo della Procura  «Cazzaniga voleva uccidere i pazienti»
Leonardo Cazzaniga a processo per le morti sospette all'ospedale di Saronno (Foto by archivio)

Morti in corsia, l’affondo della Procura

«Cazzaniga voleva uccidere i pazienti»

I pubblici ministeri: «Grazie al suo “protocollo” il medico accelerava i decessi. Si tratta di un professionista esperto che utilizzava i farmaci nella più totale impunità»

È iniziata questa mattina e proseguirà lunedì davanti alla Corte d’Assise di Busto Arsizio la requisitoria fiume da parte dei Pm, Maria Cristina Ria e Gianluigi Fontana, contro Leonardo Cazzaniga e gli altri imputati coinvolti a vario titolo nell’inchiesta “Angeli e Demoni”.

Cazzaniga, ex vice primario del Pronto soccorso di Saronno, in particolare sta rispondendo di quindici omicidi volontari, mentre gli altri soggetti coinvolti (ex dirigenti e medici dell’ospedale di Saronno), sono accusati di favoreggiamento, omissione di denuncia.

«Alla luce degli elementi – ha detto la Ria - sulla base delle perizie, la Procura ritiene che l’imputato attraverso quelle pratiche avesse voluto accelerare la morte dei pazienti».

È questo uno dei passaggi chiave dell’accusa che prima aveva tratteggiato anche la personalità del Cazzaniga: «A prescindere dall’assenza di specializzazioni si tratta di un medico esperto e preparato. Emerge anche il preteso senso di superiorità rispetto ai suoi collaboratori, medici e infermieri. Un senso di superiorità del quale non ha mai fatto alcun mistero. Ha denigrato spesso i suoi colleghi anche dal punto di vista etico-morale».

«Un medico - ha argomentato la Ria - che ostentava questa superiorità con atteggiamenti denigratori verso i colleghi. L’atteggiamento di superiorità, di denigrazione, l’uso dei farmaci, la consegna dei farmaci a persone che non erano pazienti, avveniva nella totale impunità senza che nessuno facesse nulla. All’interno dell’ospedale Cazzaniga aveva grande libertà di azione».

ALTRI DETTAGLI SUL GIORNALE IN EDICOLA SABATO 23 NOVEMBRE


© RIPRODUZIONE RISERVATA