Monte Spedone, una nuova via ferrata. Il “gigante” corona il sogno

Si chiama “Dutur dell’Alpe” l’ennesima performance di Andrea Savonitto, con Niccolò Bartoli. Lo scalatore: «Potrà diventare un centro alpinistico di eccellenza»

Monte Spedone, una nuova via ferrata. Il “gigante” corona il sogno
Andrea Savonitto in piena azione su una parete rocciosa in verticale

È stata denominata “Dutur dell’Alpe” ed è la nuova via ferrata aperta sul Monte Spedone dal “gigante”, soprannome storico di una delle guide alpine più note e stimate, Andrea Savonitto.

Potenzialità enormi da iniziare ad esplorare e rendere fruibili, quelle delle pareti di Erve, che il morbegnese conosce molto bene, tanto che questo “sogno nel cassetto” lo coltivava da almeno una decina d’anni. La nuova conquista insieme a Niccolò Bartoli, uno di quelli che “scalano forte”. «Il potenziale sportivo di quest’area è eccezionale – rimarca Savonitto -: davvero può diventare un centro di arrampicata tra i più importanti dell’intero territorio».

Leggete tutti i particolari sull’edizione odierna de La Provincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA