Merone, muore a 39 anni  Stroncato da un infarto
Francesco Lisanti con la moglie Nadia

Merone, muore a 39 anni

Stroncato da un infarto

Francesco Lisanti era nella protezione civile di Bosisio Parini. Lascia la moglie e la figlia di 9 anni. Inutili i soccorsi nel cuore della notte

Dolore in paese per la prematura scomparsa nella notte di Francesco Lisanti, 39 anni di Merone, che lascia la moglie Nadiae una figlia di 9 anni. Un infarto fulminante le cuore della notte ha stroncato la vita del volontario della protezione civile. In molti, alle 4 di venerdì 4 giugno, hanno sentito l’intervento dell’elisoccorso e del Lariosoccorso nella zona di via Montale, ma nonostante i ripetuti tentativi di rianimazione, per l’uomo non c’è più stato niente da fare. Francesco Lisanti era conosciuto a Merone ma anche a Bosisio Parini, in entrambi i paesi aveva operato come volontario della protezione civile ed era ancora attivo nel Lecchese. L’uomo era dipendente della industria tessile Gastaldi dove lavora anche la moglie. Quanto accaduto ha lasciato sgomenti in paese anche perché non c’erano state avvisaglie particolari per l’uomo. Si diceva del malore nel cuore della notte che ha subito fatto intervenire i soccorritori. Lo staff medico ed infermieristico ha cercato di rianimare più volte Lisanti ma senza risultato. Sconvolta la moglie Nadia con cui l’uomo ha avuto la figlia di 9 anni. Il funerale è stato fissato per lunedì 7 giugno alle 11 nella chiesa parrocchiale preceduto alle 10,30 dal rosario. «Conoscevo bene la famiglia anche perché la piccola Nadia frequenta il catechismo – spiega il parroco don Marco Zanotti - La scomparsa di Francesco Lisanti colpisce tutti perché si tratta di una morte improvvisa e inaspettata. Un fulmine a ciel sereno che ha sconvolto la famiglia e l’intero paese. Il funerale sarà lunedì alle 11 in parrocchiale». Colpito anche il sindaco Giovanni Vanossi: «Aveva la mia età, abbiamo fatto anche le scuole assieme nello stesso anno ma in sezioni diverse – racconta - È nato e cresciuto a Merone dove era conosciuto e apprezzato, per altro per un periodo era stato anche volontario della protezione civile del paese. Sono esterrefatto. Era davvero un bravo ragazzo, poi aveva formato questa bella famiglia. Mi dispiace davvero tanto». La protezione civile di Bosisio Parini, dove il 39enne era impegnato come volontario, ha voluto dedicare a Lisanti alcune commoventi parole. «Oggi Bosisio Parini piange. Scrivere queste parole è molto difficile, un grazie per tutto quello che hai fatto è riduttivo. Abbiamo condiviso tutto, le situazione divertenti, i momenti di disagio, le mangiate, tutto - si legge nel messaggio di saluto della protezione civile - Per molti sei stato un amico, per altri un fratello maggiore sempre pronto a mettere una buona parola o un buon consiglio. Non ti scorderemo mai. Ciao Francesco».

(Giovanni Cristiani)


© RIPRODUZIONE RISERVATA