Lomagna. Dot System   nuovo ordine da Trenitalia
Luciano Scaccabarozzi, presidente di DotSystem

Lomagna. Dot System

nuovo ordine da Trenitalia

L'impresa di Lomagna si è aggiudicata una commessa da 1,8 milioni di euro

LOMAGNA

La Dot System di Lomagna si è aggiudicata la fornitura di un pacchetto di prodotti, sia hardware sia software, nell’ambito di una nuova commessa di cento carrozze del Progetto Vivalto. Il valore del contratto è di 1,8 milioni di euro, ed è riferito a un periodo di circa un anno.

«Questa commessa conferma la qualità dei prodotti Dot System e la reputazione che l’azienda si è costruita nel mondo ferroviario – sottolinea Luciano Scaccabarozzi, presidente dell’impresa dei Lomagna - insieme a un forte riconoscimento di competenze e professionalità sia nella produzione che nel rispetto dei tempi di consegna. Sono questi, fattori determinanti per essere competitivi nel settore ferroviario».

Vivalto è il nuovo treno a due piani per il trasporto locale di Trenitalia, destinato all’utilizzo con le motrici E.464, già in dotazione nel parco mezzi Trenitalia. Questo nuovo ordine per Dot System fa seguito alle nuove carrozze Vivalto commissionate lo scorso aprile da Trenitalia a Finmeccanica-AnsaldoBreda, quale opzione del precedente contratto sottoscritto nel 2010.

Dot System realizza soluzioni e prodotti per l’industria ferroviaria. La società è nata nel 1990. Nella sua storia, Dot System ha raggiunto livelli di eccellenza e qualità delle proprie soluzioni e dei propri prodotti che l’hanno portata a lavorare con i principali gruppi del settore: Alstom, Bombardier, Faiveley, Ferrovie dello Stato, Ansaldo Breda fino ad arrivare ai nuovi player asiatici, come Cnr Dalian e Mosong. In Dot System lavorano quaranta persone, tra occupazione diretta e indotto, oltre a una rete di consulenti. Il 30% delle risorse dirette è impegnato in attività di ricerca e sviluppo e ingegneria, un’attività che pesa per il 10% annuo sul fatturato dell’azienda lecchese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA