Domenica 20 Aprile 2014

L’inchiesta non è chiusa

Ecco le carte sequestrate

1 L’arrivo in tribunale per l’interrogatorio di convalida di Maurizio Castagna (tecnico del Comune di Lecco, a sinistra) e di Francesco Sorrentino (ex consigliere comunale leghista, a destra)2 Sorrentino scortato da un agente di polizia penitenziaria3 Il Municipio di Lecco, finito nella bufera per il caso tangenti

Mazzette a Lecco, l’indagine della Guardia di finanza va avanti e sono attesi sviluppi con nuove iscrizioni nel registro degli indagati.

Le bocche degli inquirenti in questi giorni sono rimaste sempre cucite, una riservatezza dettata dalla delicatezza delle indagini che hanno portato agli arresti “quasi” in flagranza di reato del geometra comunale, Maurizio Castagna e dell’ex consigliere comunale della Lega Nord, Francesco Sorrentino.

Tra i punti fermi dell’indagine emersi fino a questo momento figurano proprio gli arresti, che risalgono a martedì sera, e l’ottenimento dei domiciliari dei due al termine dell’udienza preliminare di venerdì mattina di fronte al gip Mirco Lombardo, mentre il pm Silvia Zannini aveva richiesto il mantenimento della misura cautelare in carcere.

In queste ore gli inquirenti stanno passando al setaccio alcune pratiche edilizie che hanno sequestrato nel blitz della Finanza di mercoledì mattina in Comune. Le fiamme gialle nell’ufficio di Castagna hanno acquisito la documentazione relativa al parcheggio di via Ponte Alimasco, che era stato acquisito dal Comune ai tempi della seconda giunta Bodega e la pratica edilizia per alcuni lavori di ristrutturazione effettuati nello studio odontotecnico di Sorrentino (i locali erano stati rifatti, compresi gli infissi).

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola stamattina, 20 aprile

© riproduzione riservata