Lezzeno, come razzi sulla Lariana  Auto a 118 all’ora, 52 multati
L’autovelox posizionato davanti al municipio di LezzenoGandola

Lezzeno, come razzi sulla Lariana

Auto a 118 all’ora, 52 multati

I rilevamenti dell’autovelox nella giornata del 9 maggio

Sono 52 le multe per eccesso di velocità elevate domenica pomeriggio sulla Lariana a Lezzeno dove è stato registrato il record negativo di un’auto che ha percorso il centro abitato a 118 chilometri orari. Gli accertamenti decisi domenica 9 maggio dall’amministrazione comunale hanno dunque colto nel segno. È bastato inserire l’autovelox nei bidoncini arancioni che dal 2019 sono stati installati a bordo strada. Quello di domenica è stato il primo intervento sanzionatorio deciso da allora, dalla loro introduzione, e le multe sono fioccate. Delle 52 sanzioni elevate 11 hanno riguardato le auto, e 41 le moto. Il sindaco Maurizio Boleso spiega le motivazioni che hanno mosso l’amministrazione: «I contenitori per l’autovelox sono stati posizionati nel 2019, durante il 2020 considerata la situazione legata al Covid li abbiamo attivati molto poco e solo per brevi periodi. Domenica è stato il primo pomeriggio in cui hanno funzionato con continuità». Un pomeriggio che ha dato ottimi frutti: «Il nostro obiettivo non è fare cassa ma c’è la necessità di tutelare i pedoni e gli utenti della strada. La velocità rilevata all’automobilista di 118 chilometri orari è sicuramente troppo elevata in un tratto in centro abitato con il limite a 50 chilometri orari. È giusto che si intervenga in questi casi». Il sindaco rassicura sull’utilizzo corretto dell’autovelox, da sempre ci sono polemiche sulle multe elevate con il sistema di rilevazione posizionato in questi contenitori arancioni in particolare sulla presenza o meno del vigile. «Il vigile era presente quando era attivo il sistema di rilevazione. Tutto è stato svolto con correttezza. Bisogna attivare ogni tanto l’autovelox anche per mantenere il carattere dissuasivo, se sono sempre spenti perdono la loro utilità». L’accensione avverrà in particolare nei fine settimana: «Per evitare ci siano incidenti. Noi siamo chiaramente favorevoli alla ripresa economica ma bisogna rispettare le regole e il Codice della strada».

(Giovanni Cristiani)


© RIPRODUZIONE RISERVATA