L’ex pilota Cappellini  «Ho fatto il vaccino cinese  Ma nessuno ne parla»
Guido Cappellini, al centro, insieme a due esponenti del governo degli Emirati

L’ex pilota Cappellini

«Ho fatto il vaccino cinese

Ma nessuno ne parla»

La testimonianza Il Team Manager di motonautica abita ad Abu Dhabi«Vaccinato dieci giorni fa»

L’ex campione di motonautica Guido Cappellini, a sorpresa, è apparso l’altra sera nel bel mezzo di un servizio della trasmissione “Le Iene”, su Italia 1: «Mi sono vaccinato utilizzando un vaccino cinese che ormai da settimane qui ad Abu Dhabi è in circolazione. Io, mia moglie e un mio collaboratore stiamo bene. Non abbiamo controindicazioni. Ma la domanda è: perché nessuno parla di questa soluzione?».

Per saperne di più, della sua apparizione televisiva a sorpresa e soprattutto della vicenda, lo abbiamo chiamato negli Emirati Arabi, dove dirige la squadra di Formula 1 locale e dove passa almeno metà dell’anno. «Parlavo con un amico milanese del fatto che io mi fossi già vaccinato. Questa persona, a sua volta conoscente degli autori del programma, li ha informati del caso. Perché la notizia non è tanto che io mi sia vaccinato, ma che non si parli mai di questa soluzione che da noi è già operativa. Sento clamore per soluzioni in fase di definizione per gennaio, ma qui il vaccino c’è già: lo hanno prodotto i cinesi con la Sinopharm». Come è andata? «Qui ci sono nove milioni di abitanti, di cui due circa locali. Il vaccino è stato già somministrato a 31mila persone: hanno privilegiato alcune categorie, i medici, i politici, i piloti, di aereo...». E Cappellini che c’entra? «Io gestisco un team che è praticamente il team del Governo emiratino. Dunque sono stato vaccinato in quanto esponente governativo».

Controindicazioni? «Per ora nessuna. Stiamo tutti bene, e sono passati dieci giorni. Qui i controlli sono molti minuziosi. Abbiamo check up continui dalla somministrazione del farmaco, con tamponi e questionari. Noi stiamo bene, ma che io sappia nessuno dei vaccinati ha avuto controindicazioni».

Com’è la situazione Covid lì? «Abbiamo avuto circa 400 decessi, ma il grosso dei contagi è a Dubai. Ad Abhu Dabi c’è una specie di bolla. Io ho dovuto fare un tampone prima di partire dall’Italia in una struttura controllata dagli Emirati, poi un altro tampone appena arrivato qui. E ho dovuto indossare un braccialetto tracciabile finché non era noto l’esito del tampone. Sono molto rigorosi». Costo della vaccinazione? «Per me zero, perché ero tra i vaccinati per iniziativa governativa. Se no, attorno ai cento euro». Cappellini potrebbe essere il primo vaccinato italiano. «Non lo so, certo il mio collaboratore Attilio, che rientrerà in Italia tra poco, potrebbe esserlo sul territorio nazionale. Io tornerò in Italia ad aprile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA