Lecco. Trattativa alla Spreafico  Tempo pieno a dieci addetti
Il presidio di ieri mattina alla Spreafico di Dolzago

Lecco. Trattativa alla Spreafico

Tempo pieno a dieci addetti

La mobilitazione: ottenuta la trasformazione del contratto part-time - Soddisfatto il commento dei sindacati

Al termine di una mattina di mobilitazione, altri dieci lavoratori della “quarta gamma” di “Spreafico Francesco & F.lli” hanno ottenuto la trasformazione del contratto, da part time a full time.

«La stabilizzazione, così – ha commentato Barbara Cortinovis, di Filcams Cgil – ha potuto avere luogo nel rispetto dell’equità e della parità di diritti sul luogo di lavoro. Che dire? Si profila un buon 8 marzo».

Tutto era cominciato con un primo sciopero, giovedì, dovuto al fatto che il nuovo contratto era stato proposto a una quota di lavoratori soltanto. «Nella “quarta gamma”, dove si confezionano le macedonie, venivano, di fatto, richieste ai lavoratori part time dieci o undici ore al giorno: erano, in sostanza, dei full time – ha spiegato il sindacato - che noi chiedevamo fossero regolarizzati; invece, si andava avanti a forza di part time con straordinari, ai quali, per giunta, era difficile sottrarsi e imposti a donne che, oltre ad avere famiglia, abitano a Cantù, Ballabio, dunque molto fuori zona, con lunghi tragitti da e per casa». In questo scenario, nei giorni scorsi il passaggio al contratto full time (40 ore la settimana) era stato proposto, ma a una decina di lavoratori e tutti appartenenti ai “Si Cobas”. Lunedì erano scesi, così, in sciopero gli altri colleghi, che si riconoscono in diverse sigle sindacali o in nessuna, ritenendo di avere gli stessi diritti.

La manifestazione aveva avuto una parentesi ad alta tensione, con un camion che – nel tentativo di forzare il presidio – aveva minacciato di investire i manifestanti. Ieri il gruppo è nuovamente tornato davanti ai cancelli e, anzi, stavolta ha bloccato le merci in entrata e in uscita dallo stabilimento sede della società, notissima nel settore della commercializzazione della frutta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA