Lecco. «L’agricoltura non si ferma  Ma attenti alle speculazioni»
Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como-Lecco

Lecco. «L’agricoltura non si ferma

Ma attenti alle speculazioni»

Fortunato Trezzi, presidente di Coldirettio spite di Mattino Cinque: «Continuiamo a produrre»

Ha tranquillizzato i consumatori sulla «continuità garantita delle forniture alimentari», ma ha anche lanciato un appello «a sostenere i settori più in crisi, anche e soprattutto l’immediata adozione delle misure del decreto Cura Italia, assicurando futuro alle imprese». E ha parlato di un’agricoltura che «va protetta perchè assicura il cibo», fattore ancor più importante e strategico in queste settimane di emergenza.

Sono i punti toccati ieri mattina dal presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi, in una diretta con Mattino Cinque, la trasmissione tv di Mediaset, che si è collegata con la stalla di Alzate Brianza che lo stesso Trezzi conduce insieme ai fratelli.

«Noi, i nostri colleghi agricoltori e allevatori continuiamo a produrre, come vedete sono in stalla e ci sono i nostri animali» ha detto Trezzi, con alle spalle le belle mucche allevate .

Sono state e sono settimane dure: «All’inizio dell’emergenza abbiamo subito un atteggiamento denigratorio da parte degli altri stati Ue verso i nostri prodotti: e come se ciò non bastasse, ci sono stati comportamenti da parte di aziende all’interno dei nostri stessi confini che hanno tentato di rincarare le difficoltà, pretendendo un ribasso unilaterale del prezzo del latte paventando una crescente difficoltà a collocare i prodotti nonostante il consumo di latte al dettaglio sia aumentato del 20%. La filiera lattiero casearia lombarda è strategica: in essa operano 5.000 imprese, nella nostra regione è munto oltre il 40% del latte italiano. Grazie all’azione vigile di Coldiretti si sono scongiurati diversi tentativi di speculazione: i consumatori sono dalla nostra parte, hanno recepito il messaggio condensato nell’hashtag #mangioitaliano e compreso l’importanza di consumare, ora più che mai, prodotti made in Italy. Imprese e consumatori si stanno dando una mano, ciò è positivo ed è molto importante».

Trezzi ha ribadito che «il sistema di distribuzione è efficiente. È inutile creare assembramenti al supermercato, perchè le vendite sono regolari, ed è bene programmare una spesa periodica, stando il più possibile a casa. Coldiretti e Campagna Amica stanno facendo una parte importante, grazie anche alle imprese, sempre più numerose, che si sono attrezzate per la consegna a domicilio dei prodotti».

Flussi regolari anche quanto riguarda la filiera lattiero casearia: «Il latte viene regolarmente munto e ritirato tutte le notti, alle 4 del mattino il prodotto arriva all’impianto di trasformazione. Anche i trasporti verso la grande distribuzione sono garantiti. È bene ribadire con chiarezza che i servizi per i consumatori ci sono e funzionano, considerando anche il fatto che il settore agroalimentare è e deve essere considerato di prima necessità».

Il presidente Trezzi, sugli schermi di Canale 5 ha poi puntualizzato le difficoltà in essere per molti settori, “e tra questi vanno sottolineate le marcate difficoltà che sta subendo il comparto florovivaistico, che in queste settimane è stato messo in ginocchio dall’emergenza. Esso ha subito grosse limitazioni, peraltro nella fase stagionale più decisiva, con i fiori pronti per essere immessi sul mercato e che, invece, restano invenduti: è un problema enorme».


© RIPRODUZIONE RISERVATA