L’accusa: sequestro di persone e rapina  Indagini sugli strani affari di famiglia
Verderio - I tre uomini accusati del sequestro sono stati arrestati dai carabinieri (Foto by Repertorio)

L’accusa: sequestro di persone e rapina

Indagini sugli strani affari di famiglia

Verderio, attesa per l’interrogatorio dei tre nomadi di Calusco

che hanno rapito un sessantenne

Sono in carcere a Bergamo, a disposizione dell’autorità giudiziaria, i tre nomadi di origine sinti, residenti a Calusco d’Adda, che l’altro sera hanno sequestrato un sessantenne di Verderio per convincere il figlio a restituire una carta Poste pay che gli avevano consegnato e su cui transitava il denaro della loro attività di compravendita di auto.

Domani Peter Hudorovich, 42 anni, Gabriele Hudorovich, 28 anni e Gabriele Arnesto, 25 anni, tra loro legati da legami di parentela, tutti residenti in provincia di Bergamo, dovranno spiegare i motivi per cui hanno sequestrato e trattenuto con la forza in una abitazione di Calusco il padre di un trentacinquenne residente nella provincia di Monza e Brianza, con cui avevano rapporti al momento non chiari. Ad arrestarli sono stati i carabinieri, coordinati dal comandante del reparto operativo del provinciale di Lecco, colonnello Claudio Arneodo. Da quanto è trapelato, pare che il trentenne brianzolo fungesse da prestanome per i tre. A suo nome era infatti intestata una carta su cui transitavano i soldi dell’attività gestita dai nomadi.

L’articolo completo sul giornale in edicola domani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA