La morte di Elisa, 19 anni  «Una ragazza splendida  e un dolore immenso»
Via Panoramica a Poggiridenti, dove la ragazza è morta (Foto by gianatti)

La morte di Elisa, 19 anni

«Una ragazza splendida

e un dolore immenso»

Il sindaco di Montagna sulla scomparsa della giovane in seguito a un malore. Le parole del provveditore

Una comunità in lutto, quella di Montagna, sconvolta e incapace di spiegarsi ad una giovane e splendida ragazza, apprezzata da tutti in paese, così come la sua famiglia.

Impossibile accettare di buon grado la morte improvvisa di Elisa Molinari, 19 anni appena, nata e residente in paese, stroncata probabilmente da un infarto sabato pomeriggio mentre passeggiava in via Panoramica a Poggiridenti.

«Non ci sono parole per esprimere il dolore che stiamo provando - afferma il sindaco di Montagna in Valtellina, Barbara Baldini -. Conoscevo personalmente Elisa, una ragazza splendida, bellissima, che ha frequentato le scuole in paese quando era bambina. Come il fratello Federico è sempre stata attiva nella vita della comunità, lo stesso si può dire per i genitori, Camilla e Giovanni. Una famiglia stimata e amata in paese, tutti noi ci stringiamo attorno a loro in un abbraccio, il nostro dolore è immenso».

Elisa tra pochi giorni avrebbe iniziato l’ultimo anno di scuola superiore, frequentava infatti l’Istituto Besta a Sondrio. È stata trovata senza vita sabato pomeriggio per la strada, lungo la via Panoramica a poca distanza dalla chiesa della Madonna del Carmine.

«Ho saputo solo oggi che il Signore ha voluto ancora scegliere un angelo prendendolo dalla scuola valtellinese - sono le parole del dirigente scolastico provinciale, Fabio Molinari che spesso ha parole di conforto per gli alunni che muoiono prematuramente -. Elisa, 19 anni e tanta voglia di vivere nell’anima, ci ha lasciati improvvisamente e senza parole sabato pomeriggio, a pochi passi da casa sua. Non ci sono messaggi di conforto che possano anche solo lenire un dolore così grande. O almeno io non ne conosco».

«Elisa si è fermata alle porte della vita adulta, delle esperienze che la connotano, della scelta del proprio futuro. Elisa ora illumina il cielo con la sua luce - ha concluso il dirigente scolastico - come le stelle che contempliamo nelle belle serenate in Valtellina».

L’improvvisa morte della ragazza, probabilmente dovuta a un infarto, non ha però ancora una spiegazione ufficiale. Ieri i carabinieri della Compagnia di Sondrio non avevano ancora notizie in merito all’eventuale decisione del magistrato di turno di disporre o meno l’autopsia sul corpo della giovane.


© RIPRODUZIONE RISERVATA