La Boschi dà la carica

al popolo democratico

Il ministro oggi in città ha chiuso a palazzo Falck la campagna di Brivio: «È una sfida tra due idee del futuro. Tra chi si impegna e chi urla e basta»

«Domenica il ballottaggio non è solo la sfida tra Virginio e il suo avversario, tra il Pd e il centrodestra. Domenica si misurano due idee dell’Italia e del futuro: c’è la parte che aizza la rabbia e la paura e punta sul fatto che il Paese non ce la può fare, e chi, come noi, invece, si alza ogni mattina e prova e si impegna a fare le cose meglio».

Maria Elena Boschi sa parlare e far vibrare le corde emotive del popolo dei democratici che è accorso numeroso a imbottire la sala di palazzo Falck per vederla, per ascoltarla, per farsi felicemente irretire dal fascino dell’icona del governo Renzi.

.Ad accoglierla tra gli altri i deputati Gian Mario Fragomeli e Veronica Tentori, il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri. Sul palco seduta accanto a Brivio ascolta i saluti del segretario Fausto Crimella e poi il discorso del sindaco uscente che alla fine spiega come non siano stati sufficienti cinque anni per vedere realizzati tutti i cambiamenti che la città attende: serve un altro mandato per portare a termine il programma. Ora tocca a lei che sceglie di impostare il discorso sulle differenze tra” noi” e “loro”: «Chi guarda il futuro con speranza e chi invece alza i toni , chi sa che i problemi vanno affrontati perché si possono risolvere, e chi invece come Salvini denuncia scandali e crisi al modo di chi vuole solo alimentare odio senza cercare soluzioni». Rivendica con orgoglio per il Governo quell’atteggiamento positivo di chi si confronta con pazienza con le difficoltà: «Un passo alla volta siamo andati avanti».

Cita la riforma del lavoro, il divorzio breve, la riforma della Costituzione: lavori in corso - dice - «portati avanti con determinazione». Scoppia l’applauso fragoroso quando dice: «Gli anticorpi siete voi che vi impegnate da volontari mettendo a disposizione tempo e passione perché credete a un progetto, perché diciassette anni di amministrazione di centrodestra non hanno prodotto nulla, e dunque la buona amministrazione non si cambia». Gran finale con l’invito a tutta la comunità a stare accanto a Brivio non solo fino a domenica, ma soprattutto da lunedì, perché il meglio deve ancora venire». Poi bagno di folla, mani da stringere, selfie con i giovani del Pd, autografi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA