Sabato 03 Maggio 2014

«Joele era a terra incosciente

La rincorsa per colpirlo a calci»

La fiaccolata organizzata in memoria di Joele Leotta
(Foto by foto Cardini)

«Joele era a terra, praticamente incosciente; due degli aggressori hanno preso la rincorsa, per colpirlo con un calcio in faccia e alla testa».

È uno dei passaggi più crudi della testimonianza di Enrique Pareja, dirimpettaio del ventenne di Nibionno; Joele Leotta la sera del 20 ottobre fu ucciso così, nella stanza sopra il ristorante Vesuvius di Maidstone, dove lavorava col coetaneo rogenese Alex Galbiati e dove Pareja stesso faceva il cuoco.

Quest’ultimo è il secondo testimone nel processo contro i quattro lituani accusati dell’omicidio di Leotta e del ferimento di Galbiati (il quale ha testimoniato, nei giorni scorsi). Lo chef – anch’egli protetto da uno schermo - ha raccontato come tentò di interrompere il pestaggio e fu minacciato a propria volta da uno degli assalitori.

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 3 maggio.

© riproduzione riservata