Integrativo aziendale Piaggio  Sì anche alla Moto Guzzi
La linea di montaggio della V85

Integrativo aziendale Piaggio

Sì anche alla Moto Guzzi

Approvato dai lavoratori di Pontedera (Piaggio), Mandello (Moto Guzzi),Scorzé e Noale (Aprilia).

Su 3.146 aventi diritto, hanno votato in 2.227 persone, pari al 71% del totale. In alcuni siti produttivi ha votato la quasi totalità degli aventi diritto al voto. Il precedente contratto aziendale di Piaggio era stato siglato oltre 10 anni fa, e questo è il primo che coinvolge tutte le unità produttive di Piaggio in Italia. A Mandello la votazione ha interessato circa 120 persone.

Il Contratto aziendale di secondo livello di Piaggio recepisce quanto già previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del settore metalmeccanico, per quanto riguarda il sistema di relazioni industriali e include diversi aspetti migliorativi.

In particolare il premio di risultato aumenterà, e nel mese di aprile verrà erogata una quota di 400 euro , grazie a una quota una tantum e ratei su acconti di febbraio e marzo.

Saranno inoltre aumentati gli acconti: dai 100 euro mensili attuali, si passerà a 120 il primo anno (+20%), 140 il secondo (+40%) e 155 euro per il terzo anno (+55%);

Grazie alla nuova legislazione fiscale, gli acconti netti in busta-paga (attualmente pari a 762 euro, aumentano a 1.401 per il 2020, a 1.368 per il 2021 e a 1.515 per il 2022;

II valore massimo del premio, complessivamente sarà di 3.000 euro (pari ad un valore netto di 2.443);

Infine, iI premio di risultato sarà erogato a tutti i lavoratori, anche quelli con tipologie contrattuali diverse dal tempo indeterminato.

Novità anche in materia di occupazione con la copertura del 75% delle uscite volontarie (e comunque entro il 31 dicembre 2021). I 65 part-time verticali di Pontedera saranno convertiti in full-time. Dal 2009 ad oggi, grazie agli accordi siglati in passato, sono stati stabilizzati circa 460 dipendenti.

Cambia anche l’accesso al part time. Quello orizzontale verrà concesso minimo per un anno, con proroghe semestrali per rispondere meglio alle esigenze dei dipendenti;

- il part-time orizzontale nelle aree impiegatizie avrà una flessibilità d’ingresso da 5 a 15 minuti;

- il permesso di recupero passerà da 6 a 8 ore, con durata minima di 30 minuti e massima di 2 ore e recuperi mensile;

- verrà sperimentato l’orario d’ingresso flessibile nelle aree operaie non collegate direttamente alla produzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA