Il Sentiero del viandante è in Bassa Valle
Taglio del nastro con i sindaci Barini e Ioli, il vice presidente della Cm De Pedrina (Foto by Foto Sandonini)

Il Sentiero del viandante è in Bassa Valle

Ieri aperto ufficialmente il tratto valtellinese del famoso tracciato che corre lungo il Lario orientale. Soddisfazione tra gli enti locali promotori dei sei chilometri da Piantedo a Delebio, ora si punta a Morbegno.

Si fa strada in Valtellina il Sentiero del Viandante, che ha vissuto ieri l’inaugurazione dei primi 6 chilometri di tracciato che si addentrano in Bassa Valtellina attraverso i territori di Piantedo e Delebio. Più di 200 persone, provenienti non solo dai paesi coinvolti ma anche in gruppi arrivati da Lecco e Sondrio, hanno seguito il cammino dalla località Basalun fino a Valpozzo di Piantedo.

Quella aperta ieri è stata la prima tappa interamente in provincia di Sondrio del celebre sentiero escursionistico apprezzato da locali e turisti internazionali che trova punto di partenza ad Abbadia Lariana e snodandosi a mezza costa, percorre tutta la sponda del Lario Orientale per giungere lungo tratti panoramici e splendidamente conservati sino alla Madonna di Valpozzo a Piantedo, dove sino ad oggi terminava giunto alle porte di Valtellina. Grazie a un accordo di programma- capofila il Comune di Varenna - tra tutti i comuni rivieraschi, le tre Comunità montane interessate e le Province di Lecco e Sondrio ed appunto i Comuni di Piantedo e Delebio, si sta concretizzando l’opportunità di giungere col Viandante sino addirittura a Morbegno. Primo step in questa direzione il nuovo tratto di 6 chilometri in Bassa Valtellina che permette di attraversare tra scorci bellissimi, i boschi e i maggenghi tra i due caratteristici paesi di Piantedo e Delebio, su mulattiere ben tenute ed indicate dalle inconfondibili frecce e targhette arancio del Viandante. Al taglio del nastro in località Basalun erano presenti il sindaco di Delebio Marco Ioli e di Piantedo Mirco Barini, oltre al vicepresidente della Comunità montana di Morbegno, Giovanni De Pedrina e al parroco della comunità di Delebio Piantedo e Andalo, don Alessandro Zubiani, che ha benedetto il percorso. Il sindaco Ioli ha parlato di «una promozione sempre più importante per il nostro territorio, con l’inaugurazione odierna e il futuro prolungamento del sentiero del Viandante, offrendo ai visitatori una panoramica completa che spazia dal lago di Como ai bassi maggenghi della Valtellina in un contesto paesaggistico e storico di pregio».

Per il sindaco di Piantedo Mirco Barini quello del Viandante è «un progetto in cui abbiamo creduto sin dal primo momento, accompagnato e sostenuto assieme a tutte le istituzioni coinvolte, con entusiasmo e convinzione: una grande soddisfazione poter finalmente inaugurare questo nuovo tratto». Per il vicepresidente della Comunità montana di Morbegno, con delega proprio alla Sentieristica e piste ciclabili, Giovanni De Pedrina «l’impegno delle amministrazioni locali e della Cm con investimento di risorse economiche ha raggiunto l’obiettivo di connettere la bassa Valtellina a Colico recuperando antichi sentieri sul versante orobico. Dal lago alla montagna, la varietà di panorami qualifica il percorso rendendolo ancora più attraente. Il collegamento a questo Sentiero, già molto conosciuto ed apprezzato, ci consentirà di intercettare i turisti che frequentano il Lago di Como».

Grande opportunità per un ulteriore sviluppo del turismo legato alla fruizione dolce del Territorio, per conoscerne a passo lento tradizioni e scorci caratteristici, l’entrata del Viandante in Valtellina rappresenta una grossa potenzialità di crescita eco sostenibile. I partecipanti alla giornata di ieri, che ha lanciato le basi di una ottima collaborazione tra le pro loco di Piantedo e Delebio, che hanno curato i punti di ristoro e l’illustrazione delle località di maggiore interesse disseminate lungo i sei chilometri di percorso, sono stati i primi ad attraversare questo nuovo tratto di sentiero, che punta ora verso Morbegno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA