Domenica 19 Ottobre 2014

Il mio incontro con Bossetti

«Mi fece delle avance»

L’arresto di Massimo Bossetti, il 16 giugno

Massimo Bossetti, un mese prima che venisse arrestato con l’accusa di essere l’assassino di Yara Gambirasio, incontrò una quarantenne di Merate per venderle uno specchio che il muratore aveva messo su un sito di e commerce.

La donna, che negli ultimi mesi si è trasferita a vivere in provincia di Bergamo, è stata sentita 15 giorni fa dalla Procura come persona informata sui fatti e ha raccontato quell’incontro con Bossetti, che le aveva fatto qualche avance.

L’incontro, racconta il Corriere della Sera, è avvenuto il 16 maggio alle 18.30 a Chignolo d’Isola: esattamente un mese prima dell’arresto di “Ignoto 1”, il sospettato dell’omicidio di Yara, tuttora in carcere. La meratese lo ha immediatamente riconosciuto quando lo ha visto comparire su tutti i telegiornali d’Italia e si è ricordata dell’incontro che avevano avuto un mese prima, dopo che si erano sentiti via whatsapp per acquistare uno specchio che Bossetti aveva messo in vendita su un sito specializzato.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola stamattina, 19 ottobre

© riproduzione riservata