Il forno brucerà molti più rifiuti

Un coordinamento per la salute

Lo istituiscono i cittadini con la partecipazione degli ambientalisti. Timori perché il paese è sulla traiettoria sia dei venti sia dei camion

Il forno brucerà molti più rifiuti Un coordinamento per la salute
Il camino del forno inceneritore di Valmadrera

Dibattito tra cittadini e dirigenza della società Silea di Valmadrera, ospite di una seduta aperta del consiglio comunale durante la quale il direttore generale Marco Peverelli, l’amministratore unico Mauro Colombo e altre figure tecniche hanno risposto a tutte le domande: tanto il sindaco, Baldassare Mauri, quanto i cittadini hanno puntato anzitutto sull’aumento dei rifiuti che il forno di Valmadrera può incenerire, sul perché farlo, quindi sulle prospettive dell’impianto di teleriscaldamento possibile proprio grazie alla recente autorizzazione al funzionamento a massimo carico termico dell’impianto; la gente e il sindaco hanno molto insistito, inoltre, sui pericoli per la salute, essendo Civate sulla traiettoria sia dei venti, sia dei camion da e per l’inceneritore.

Il confronto è stato aperto e franco ma, alla fine, l’amministratore unico di Silea non ha accolto la richiesta del sindaco – contenuta anche in una mozione della minoranza – per incrementare la partecipazione di Civate: «Esistono già gli organismi di partecipazione, c’è inoltre un comitato tecnico: siamo un’azienda – ha detto Colombo – e dobbiamo anche lavorare». I cittadini, al termine della seduta, hanno comunque anticipato che «un coordinamento si farà, con la partecipazione di associazioni ambientaliste riconosciute del territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA