I bimbi a Bergamo da Santa Lucia  Trenord li lascia a piedi al rientro
Brutta sopresa per 120 bambini e le leoro maestre alla stazione di Bergamo

I bimbi a Bergamo da Santa Lucia

Trenord li lascia a piedi al rientro

Un’odissea per 120 piccoli delle scuole materne di Torre de’ Busi e di Cisano - Il sindaco: «Il convoglio è stato cancellato senza preavviso, sapevano della comitiva. Indegno»

Centoventi bambini lasciati a piedi da Trenord e costretti a un ritorno in Valle San Martino “da paura”, ammassati su un treno stracolmo e in piedi.

E’ sta una vera e propria odissea, come ha ribadito il sindaco di Torre de’ Busi Eleonora Ninkovic, quella vissuta dai piccoli del paese, che con i bimbi di Cisano – e accompagnati da un centinaio tra maestre, parroci, genitori, volontari e alpini – avevano raggiunto Bergamo in treno per consegnare le loro letterine a Santa Lucia.

«I nostri bambini hanno vissuto una vera e propria odissea – ha esordito il primo cittadino di Torre -. I parroci delle scuole materne di San Gottardo e Cisano Bergamasco avevano prenotato da tempo un biglietto unico per 119 alunni della materna più un centinaio di accompagnatori. Si voleva far fare ai piccoli la loro prima esperienza di viaggio in treno».

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 9 dicembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA