Mercoledì 02 Luglio 2014

Gang di latinos sgominata a Milano

Due arresti anche in Valsassina

Il fotogramma di un pestaggio della banda diffuso ieri dalla Polizia

Ci sono anche due giovani abitanti in Valsassina tra i dodici “latinos” arrestati ieri nell’ambito del blitz della Squadra Mobile di Milano con l’accusa di appartenere alla banda dei Trinitario.

Si tratta di due domenicani di 25 e 30 anni, non parenti tra loro, residenti a Ballabio con le famiglie d’origine ed entrambi impiegati come operai in una grossa fabbrica di Lecco. Le loro generalità non sono state rese note per esigenze investigative, dal momento che l’operazione non è ancora conclusa e che all’appello mancano ancora alcuni giovani sospettati di far parte della gang.

Sciabola e ascia

Gli arrestati sono tutti accusati a vario titolo di associazione a delinquere, due tentati omicidi, lesioni personali, rapina aggravata, porto abusivo d’armi. Le misure di custodia cautelare sono state emesse dai giudici delle indagini preliminari Vincenzo Tutinelli per il tribunale ordinario e Marilena Chessa per il tribunale dei minori (alcuni degli arrestati non hanno infatti ancora compiuto la maggiore età).

Per quanto riguarda i due stranieri residenti a Ballabio, appartenenti a famiglie descritte come perbene, lavoratrici, inserite nella comunità, gli uomini della Squadra Mobile di Lecco che ieri all’alba hanno fatto irruzione nelle loro abitazioni su delega della Procura di Milano hanno rinvenuto diverse armi da taglio, tra le quali alcuni coltelli, una sciabola e un’ascia, tutte poste sotto sequestro.

© riproduzione riservata