Funivia di Artavaggio “servizio pubblico”  Ora paga Milano: scongiurata la chiusura
La funivia Moggio Artavaggio

Funivia di Artavaggio “servizio pubblico”

Ora paga Milano: scongiurata la chiusura

Grazie al riconoscimento, la costosa revisione dell’impianto

passa in carico alla Regione

Funivia Moggio Artavaggio riconosciuta ufficialmente dalla Regione come “Servizio pubblico”. La buona nuova l’ha data, nel corso di un incontro con gli amministratori dei Comuni della Provincia di Lecco, il presidente della Agenzia per il pubblico trasporto, emanazione della Regione, Angelo Colzani.

Un provvedimento atteso da molto tempo: le insistenze della giunta moggese, alla fine, hanno raggiunto l’obiettivo.

Cosa cambia? Per chi sale e scende in funivia, per ora, niente. Il significato di questo riconoscimento ha invece effetti sull’esistenza stessa dell’impianto di Artavaggio.

Spiega il sindaco Andrea Corti: «L’effetto immediato di questo passo ufficiale, per quel che riguarda la stazione di Moggio, è che la Regione coprirà le spese necessarie a finanziare la approfondita revisione di tutto l’impianto».

Un’operazione, questa, imposta dalla legge in quanto la funivia è stata costruita da sessanta anni. Come da preventivo, ha un costo che si aggira sul milione e mezzo di euro. Soldi che un minuscolo Comune come quello di Moggio, neanche cinquecento abitanti, non ha in cassa. Una cruda verità che aveva indotto il primo cittadino Corti a minacciare: «Se non ci arrivano i soldi dalla Regione, chiudiamo la funivia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA