Brivio, paura per una fuga di gas   Evacuate case, l’oratorio e la caserma
La zona di via Como bloccata al traffico a causa dell’elevata pericolosità della fuga di gas

Brivio, paura per una fuga di gas

Evacuate case, l’oratorio e la caserma

Via Como isolata per ore dopo che è stato danneggiato un tubo a causa dei lavori in corso. Interrotta la Como-Bergamo

La foratura in via Como di un tubo del gas oggi pomeriggio ha creare pericolo e allarme e mandato in tilt fino all’ora di cena la circolazione stradale. Mentre stavano effettuando lavori a ridosso di un marciapiede, alcuni operai incaricati da una ditta telefonica hanno sbagliato a forare il terreno e hanno danneggiato un tubo del metano della media pressione posto a poco meno di un metro di profondità. Nel giro di pochissimi minuti, in tutta la zona, nel raggio di duecento metri, si è sentito un fortissimo odore di gas. I tecnici della 2i Rete Gas, subito intervenuti sul posto, dopo l’arrivo dei vigili del fuoco, hanno confermato la gravità dell’accaduto.Ad essere stato danneggiato, non un semplice tubo che porta il metano nelle abitazioni ma uno di quelli principali. Nello specifico, quello che alimenta tutta la zona di Airuno, e nel quale il metano viaggia a una pressione di 3 bar.

Una vera e propria bomba che ha convinto i pompieri della caserma di Merate a evacuare l’intera zona. I primi ad essere invitati a uscire dall’edificio che si trova a ridosso del tubo danneggiato sono stati i carabinieri. Quindi, si è provveduto ad allertare i residenti nelle abitazioni che si trovano lungo via Como e infine sono stati fatti spostare gli oltre cento ragazzi che si trovavano all’oratorio estivo e che, durante le operazioni, in attesa dell’arrivo dei genitori per il ritiro, sono stati accompagnati nella zona del cimitero.

Per permettere ai tecnici e ai pompieri di lavorare in tranquillità, la Sp 342 è stata bloccata. La Como-Bergamo è stata interrotta all’altezza della rotonda che porta in centro paese.

Leggete tutti i particolari sull’edizione di domani, sabato, de La Provincia di Lecco

© RIPRODUZIONE RISERVATA