Giovedì 29 Maggio 2014

Boscagli rinviato a giudizio

L’avvocato: «Verrà assolto»

L’ex assessore regionale alla famiglia Giulio Boscagli

Figura anche l’ex assessore regionale alla famiglia, Giulio Boscagli, tra i politici rinviati a giudizio dal gup di Milano Maria Cristina Mannocci per l’inchiesta su presunte irregolarità negli appalti per la telemedicina e altri servizi.

Il reato contestato a Boscagli è turbativa d’asta mentre per altri politici anche corruzione e la prima udienza del processo è stata fissata per il 18 settembre: secondo l’accusa l’ex direttore generale della sanità della Lombardia, Carlo Lucchina, l’ex capogruppo del Pdl Paolo Valentini, Boscagli e altri sette accusati avrebbero organizzato riunioni per favorire l’assegnazione dei contratti a una joint venture tra due società, la March Italia e la Gbs, considerate vicine al centrodestra.

«Un ospite fuori posto»

«Il mio assistito è un “ospite” fuori posto di questo processo - taglia corto l’avvocato Richard Martini, legale di Boscagli - Lo avevo già detto il giorno dopo la richiesta di rinvio a giudizio e lo ribadisco oggi: sarebbe bastato leggere gli atti per capire che Boscagli è totalmente estraneo ai fatti. Razionalmente non ci eravamo fatti troppe illusioni circa lo stralcio della sua posizione ma ribadisco che lui non c’entra nulla, è stato tirato in ballo per sbaglio in un’indagine complicata di brokeraggio assicurativo da due intercettazioni telefoniche».

«Vorrà dire che faremo questo processo - conclude Martini - e arriveremo all’affermazione del giusto e del vero per quanto riguarda la posizione di Giulio Boscagli».

LECCO

© riproduzione riservata