Bobbio, Investita da un ragazzino sul bob  Paura per una donna e il figlio
Il nastro trasportatore dei bob a Bobbio

Bobbio, Investita da un ragazzino sul bob

Paura per una donna e il figlio

Barzio, la donna che guardava il panorama ha riportato un trauma al braccio e alla cervicale, illeso il bimbo. Sulle piste anche la campionessa Sofia Goggia

Poteva trasformarsi in una tragedia l’incredibile incidente accaduto oggi pomeriggio ai Piani di Bobbio: un ragazzino sul bob ha centrato in pieno una quarantenne che, con il braccio il suo bambino, intorno a mezzogiorno stava lì a guardare il panorama. Un impatto di cui ha pagato le conseguenze la signora, il suo bimbo e il ragazzino sul bob fortunatamente non hanno riportato traumi.

Le condizioni della signora sono apparse subito critiche ai soccorritori, tanto da indurli a chiedere l’intervento dell’elisoccorso. I sanitari hanno verificato «un trauma all’arto superiore e al rachide cervicale». L’allarme è scattato attorno alle 12.15 ed è giunto un elicottero da Como. La donna è stata trasportata, in codice giallo, all’ospedale Alessandro Manzoni di Lecco.

«Si è trattato di un incidente, meno male non è finita veramente male», commenta a botta calda il direttore delle Imprese turistiche barziesi, la società degli impianti di Bobbio Valtorta, Danilo Scaioli. «Incidente verificatosi nell’area bob - precisa -, il ragazzino quindi poteva scendere qui con il suo bob, purtroppo è successo quel che è successo». Una (brutta), coincidenza fortuita, stando alle spiegazioni del direttore e che poteva finire peggio. Alla luce poi degli incidenti accaduti in questi due giorni sui campi da sci: ieri in val di Susa un’altra bimba di 8 anni è morta a bordo dello slittino con la madre, finite per sbaglio sulla pista nera.

E non è passata inosservata anche la campionessa bergamasca mondiale di sci alpino Sofia Goggia che ha ripreso ad allenarsi scegliendo le piste della Valsassina

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola sabato 5 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA