Albavilla e i raduni di moto  «Quei ragazzi sono un pericolo»
Alcuni ragazzi durante le loro “esibizioni” con la moto:una scena che si ripete abitualmente

Albavilla e i raduni di moto

«Quei ragazzi sono un pericolo»

Anche gli imprenditori segnalano acrobazie in via Padre Meroni. E il sindaco assicura: «Stiamo monitorando la situazione, interverremo»

«Vediamo motociclette guidate da ragazzini impegnati a fare evoluzioni quasi tutti i pomeriggi: un pericolo per la circolazione stradale, per i pedoni e anche per gli stessi giovani. Basta ricordare l’episodio in cui due moto si sono scontrate».

Continua a far discutere la situazione di via Padre Meroni, nella zona industriale al confine tra Albese con Cassano e Albavilla: ad intervenire è in questo caso Michele Corti, titolare della Ercole Nava, azienda del settore idraulico.

Corti racconta una convivenza decisamente difficile tra chi vive o lavora nella via e questo gruppo di ragazzini che si riunisce lì per divertirsi con le motociclette. «Ad agosto la situazione era difficile ma abbiamo sopportato, pensando che poi con il rientro a scuola si risolvesse almeno in parte - aggiunge Corti - Invece siamo ad ottobre e ancora adesso dobbiamo registrare quasi ogni giorno questi mini raduni nella via».

Il sindaco Giuliana Castelnuovo comprende le proteste: «Stiamo monitorando la situazione per poi intervenire, l’attenzione e massima è non è nostra intenzione sminuire il problema. Le segnalazioni che sono state considerate».


© RIPRODUZIONE RISERVATA