Al "Catenificio Regina"
tagli e cassa integrazione

Niente contratto di solidarietà al Catenificio Regina. La richiesta del sindacato non è stata accettata dalla direzione aziendale che ha confermato la necessità di tagliare gli organici di 17 persone e di mettere in cassa integrazione straordinaria gli altri 303 dipendenti

Al Catenificio Regina tagli e cassa integrazione
Il Catenificio Regina non ci ripensa e punta dritto sull'apertura di una procedura di mobilità per 17 dipendenti e sulla cassa integrazione straordinaria per i rimanenti 303 lavoratori.  A nulla è valso il tentativo dei sindacati di puntare su un contratto di solidarietà, che avrebbe permesso a tutti i lavoratori di mantenere il proprio posto di lavoro, oltre all'80% del salario e la maturazione degli istituti previdenziali.
«Il 4 marzo parte la procedura di mobilità per 17 dipendenti e la procedura di cassa integrazione straordinaria per 303 persone – racconta Enrico Civillini, sindacalista della Fim Cisl -  Una scelta che non approviamo, perché visti i numeri dell'azienda, i bilanci e la situazione generale, sarebbe stato possibile percorrere la strada del contratto di solidarietà. Mi piacerebbe sfidare l'azienda, sedermi con i vertici della Regina a un tavolo, analizzarne le potenzialità industriali, per vedere se effettivamente la strada del contratto di solidarietà non sia davvero percorribile, come dicono loro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA