Ritorno in Borgogna

Regia: Cedric Klapisch

Genere: Commedia

Anno: 2017

Con: Pio Marmai, Ana Girardot, Franois Civil, Jean-Marc Roulot, Mara Valverde, Yamée Couture, Karidja Touré, Florence Pernel, Jean-Marie Winling, ric Caravaca, Tewfik Jallab

Dopo un'assenza di dieci anni, Jean lascia temporaneamente l'Australia, Paese in cui si è trasferito, sua moglie e suo figlio e torna nella sua città natale, a causa della malattia terminale del padre, proprietario di un grande vigneto a Meursault, in Borgogna. Jean ritrova in questo modo sua sorella Juliette e suo fratello Jérémie. Dopo la morte del padre, poco prima dellinizio della vendemmia, i tre fratelli devono fare i conti con nuove responsabilità, tra cui la ricerca di una grossa somma di denaro per pagare le tasse di successione. Al ritmo del susseguirsi delle stagioni, i tre giovani adulti riscoprono e reinventano i legami familiari, uniti dalla passione per il vino. A quattro anni da "Rompicapo a New York" (2013) il regista de "L'appartamento spagnolo" Cedric Klapisch dirige, firmano la sceneggiatura con Santiago Amigorena, che parla di relazioni familiari e vino, radici e rapporto con la terra attraverso una storia ambientata in un mondo rurale e nella magia della vendemmia. "Quando un viticoltore firma una bottiglia, è come un regista che firma un film. Riprende il concetto di autorialità. Questo è tutto quello che si può trovare in un bicchiere di vino questa complessità è lì contenuta. Il tempo e lo spazio, la storia e la geografia. Il matrimonio tra uomo e natura. Dovevo assolutamente fare in modo che il film raccontasse questo è un mondo estremamente sofisticato. Per questo mi piace parlare di vino. Nel film seguiamo la produzione del vino nel corso di un anno. In parallelo seguiamo più di dieci anni nella vita di una famiglia di viticoltori. Ho cercato di trovare la connessione tra questi due seguendo i cicli della natura e le tappe dellevoluzione di questi tre personaggi" sottolinea Klapisch nella note di regia che, "In Ritorno in Borgogna", si è riunito con lo sceneggiatore Santiago Amigorena, con il quale aveva già lavorato in passato, la prima volta in "Le Pèril jeune" e lultima volta in "Autoreverse".