Un generale, un signore

Lasciatemi parlare di un generale e di un signore di altri tempi, che in questi tempi però sapeva vivere e lottare con grazia.

Un uomo che se n'è andato in queste ore e che ricordo per la sua attenzione e il suo sorriso. Parlo di Giuliano Miscia, che conobbi alla caserma Mara, tanti anni fa. Un uomo con un codice d'onore che sapeva essere gentile nella sua fermezza.

Quando ha lasciato la vita militare, non si è fermato. Si è sempre prodigato per Busto Arsizio e si è distinto nel suo impegno sociale. Ricordo il suo dolore, quando si spense la moglie. La gioia al matrimonio di una figlia. La battaglia che raccontava negli ultimi tempi in un mondo scosso dalle furberie finanziarie.

Ricordo, prima di tutto, un sorriso leale. E saluto questo generale, questo signore di altri tempi, grata del tempo che con la sua città, la sua provincia ha condiviso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA